nuove idee
22 Agosto Ago 2019 0600 22 agosto 2019

Come sarebbe Elon Musk se diventasse una bella ragazza russa? Un account Instagram lo immagina così

Non c’è limite alla creatività umana. E verebbe da dire purtroppo, visto che un utente ha inventato un account di intelligenza artificiale che applica la faccia di Musk, modificata per sembrare femminile, a fotografie raccolte sul web con caption inventate a caso. E sembra realistico

elon-musk-donna
da Instagram

La mente umana ha i suoi limiti: non può visualizzare la quarta dimensione e soprattutto non riesce a comprendere perché un nerd russo abbia deciso di creare un account instagram in cui Elon Musk è una donna, si chiama Elona, e il suo volto (modificato in modo opportuno) viene applicato a fotografie di donne a caso, con una caption senza senso elaborata da una intelligenza (si fa per dire) artificiale – che, a ben vedere, non è molto lontana dalle farneticazioni del vero Musk.

Incomprensibile è anche la passione tutta russa per il visionario miliardario americano, eppure è un dato di fatto. C’è. Ai russi Musk piace. E forse questa idea un po’ insensata, cioè utilizzare una rete neuronale che applica il machine learning su migliaia di immagini su Instagram con l’obiettivo ineffabile di creare una finta versione femminile del fondatore della Tesla appare in sintonia con lo spirito dei tempi. È un omaggio, insomma.

Ma dimostra anche che è destino di ogni tecnologia e di ogni innovazione creare linee evolutive parallele, sperimentali, senza senso. Questa è senza dubbio una di quelle. Ma, a differenza di altre, ha almeno il dono di stupire.

“Di tutti i miei hobby, quello preferito sono i problemi di auto-valutazione”

“Suono di uccelli, pietre, vicino di casa. L’ingresso in cemento non ha intimità emotiva. Il problema è che ho mangiato torte. E ricorda: quando inizi qualsiasi attività, hai già tre figli e il primo freno”

“Dal punto di vista astrologico, sono una madre. E l’Ecg mostra il nonno. Così, senza trucco. E il vestito lo ha fatto a pezzi un vicino pazzo”

“Mi sono rotta un’unghia, ma tutto il resto è a posto”

“Non so chi siano Pushkin, Bulgakov e Asadov. Ecco perché il mondo sta migliorando”

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook