donne e note
18 Settembre Set 2019 0600 18 settembre 2019

Altro che Ariana Grande: scoprite il fascino di Francesca Caccini, la prima donna che scrisse un’opera

Attiva tra il XV e il XVI secolo, fu al servizio della famiglia dei Medici a Firenze. Si distinse per la sua cultura, le sue abilità canore e, soprattutto, per le sue composizioni, che la portarono a essere la musicista più pagata a corte

francesca caccini
da Wikimedia Commons

Era acclamata da tutti. Apprezzata, lodata. Soprattutto per la sua abilità nel canto (era un soprano), le sue doti al clavicembalo e al liuto, e le sue poesie in italiano e in latino. Si tratta della fiorentina Francesca Caccini (detta Cecchina), figlia del compositore Giulio Caccini, senza dubbio una delle donne più importanti nell’ambito della musica rinascimentale. Se non l’avete mai sentita, è grave. Se non avete mai ascoltato una sua composizione, ancora peggio.

Nata a Firenze nel XV secolo, ricevette una buona istruzione (imparò un po’ di greco, matematica e lingue moderne), ma su impulso del padre si dedicò insieme al resto della famiglia alla musica (allora si usava così. Ai tempi nostri lo hanno fatto solo i Jackson, con risultati ambivalenti).

I Caccini diedero vita a un ensemble musicale, noto all’epoca come “le donne di Giulio Romano”, che divenne in poco tempo famoso, soprattutto nell’aristocrazia fiorentina. Cecchina non ebbe problemi, di conseguenza, a farsi conoscere a corte. La sua carriera negli ambienti medicei fu fulminea e la fece diventare la musicista più pagata di tutti: si affermò come insegnante, cantante da camera, trainer (allora non si diceva così) e compositrice almeno fino al 1627. Era la dimostrazione, anche artistica, dell’eccellenza femminile tanto lodata dalla duchessa Cristina di Lorena.

Ma quello che più la contraddistinse fu la sua prolificità: musica da camera, da palcoscenico, melodrammi. Musicò poesie di Michelangelo (non un librettista qualunque), scrisse canzoni e duetti, contribuendo in modo fondamentale allo sviluppo dello stile barocco italiano.

Di lei rimane poco, ma quel poco è importante: la commedia-balletto “La liberazione di Ruggiero dall’isola d’Alcina”, scritta per onorare la visita del principe ereditario polacco Ladislao Sigismondo, è l’opera (se così si può definire) più antica scritta da una donna. È intensa, ingegnosa e ricca di trovate innovative. Piacque molto.

Si sposò due volte, prima con un collega musicista, poi con un nobile lucchese, e rimase due volte vedova. A quel punto tornò a Firenze, riprese a lavorare dai medici (insegnò e compose), fino al 1641, anno in cui lasciò la casa fiorentina. Da quel momento gli storici non hanno più tracce della sua vita successiva..

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook