Pianeta caldo
25 Settembre Set 2019 1100 25 settembre 2019

Il nuovo rapporto Onu sul clima: inondazioni e alluvioni saranno inevitabili

I danni futuri causati dall’innalzamento dei mari e dallo scioglimento del ghiaccio sono ormai quasi certi, dicono gli scienziati. Unico possibile rimedio: limitare decisamente l’innalzamento della temperatura mondiale

uragano

I cambiamenti climatici stanno già causando enormi conseguenze sugli oceani e sui ghiacciai. E i danni futuri causati dall’innalzamento dei mari e dallo scioglimento del ghiaccio sono ormai quasi certi, con straripamenti dei fiumi, inondazioni e alluvioni sempre più frequenti. A dirlo è l’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change delle Nazioni Unite sullo stato delle calotte polari, diffuso a poche ore dal vertice Onu dedicato ai cambiamenti climatici.

Il clima sempre più caldo, dicono gli scienziati, sta già uccidendo le barriere coralline, sovraccaricando le tempeste e aumentando le temperature dei mari. E il futuro sarà ancora più catastrofico, se le emissioni di gas serra rimarranno incontrollate. Con alluvioni e inondazioni sempre più violente e frequenti.

Le grandi inondazioni che finora hanno colpito alcune città costiere e le isole una volta ogni 100 anni potrebbero diventare entro il 2050 eventi annuali, secondo l’Ipcc. E se le emissioni continuassero ad aumentare, i livelli globali del mare potrebbero crescere di oltre un metro entro la fine di questo secolo, circa il 12% in più rispetto al gruppo stimato nel 2013. Provocando danni enormi all’approvvigionamento idrico e alla pesca.

Le grandi inondazioni che finora hanno colpito alcune città costiere e le isole una volta ogni 100 anni potrebbero diventare entro il 2050 eventi annuali

«A causa dell’eccesso di gas serra nell’atmosfera, già oggi l’oceano è più alto, più caldo, più acido, meno produttivo e contiene meno ossigeno», ha spiegato Jane Lubchenco, ex amministratore della National Oceanic and Atmospher Administration. «La conclusione è inevitabile: gli impatti dei cambiamenti climatici sull’oceano sono ben avviati. A meno che non prendiamo provvedimenti molto seri molto presto, questi impatti peggioreranno, molto, molto peggio». Conseguenze profonde e potenzialmente devastanti si prospettano per la vita marina, gli ecosistemi artici e intere società umane, quindi, se i cambiamenti climatici continueranno senza sosta.

Già lo scorso autunno, l’Ipcc aveva avvertito in un suo rapporto la necessità di apportare rapidi e radicali cambiamenti sul fronte dell’energia e dei trasporti per mantenere il riscaldamento al di sotto di un aumento di 1,5 gradi, la soglia chiave individuata nell'accordo sul clima di Parigi.

«L'emergenza climatica è una gara che stiamo perdendo, ma è una gara che possiamo vincere se cambiamo le nostre strade adesso», ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres nel corso del summit sul clima. «Quello che una volta era chiamato “cambiamento climatico” ora è veramente una “crisi climatica”. Stiamo assistendo a temperature senza precedenti, tempeste inarrestabili e prove scientifiche innegabili».

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook