mobilità
1 Ottobre Ott 2019 0600 01 ottobre 2019

Milano rafforza l’Area B, una delle zone a traffico limitato più grandi d’Europa

Dal primo ottobre, nuove limitazioni alla circolazione dei veicoli e dei ciclomotori più inquinanti. Un ulteriore potenziamento è previsto tra il 2027 e il 2030

Area B Linkiesta
Photo by Nabeel Syed on Unsplash

Milano vuole diventare una città sostenibile con politiche sulla mobilità volte a disincentivare l’uso dei veicoli che producono maggiori emissioni e a favorire il trasporto pubblico. L’apertura dell’Area B, una delle zone a traffico limitato più grandi d’Europa, ha come obiettivo la riduzione delle emissioni inquinanti di almeno il 14% entro la fine del 2019. Con ulteriori e graduali tagli – rispettivamente del 24 e del 21 per cento – entro il 2020 e il 2021.

Secondo il Rapporto “Mobilitaria 2019”, che ha monitorato la qualità dell’aria in 14 aree metropolitane, a Milano tra il 2017 e il 2018 sia le concentrazioni di particolato (Pm10) sia le emissioni di biossido di azoto hanno più volte superato i livelli consentiti dalla normativa europea, che impone ai Paesi europei restrizioni più rigide per limitare l’inquinamento atmosferico e che ha portato la Commissione europea ad aprire una procedura d’infrazione contro l’Italia.

A fronte di una sensibile riduzione dell’inquinamento – si legge nel Rapporto – gli sforzi fatti non sono ancora sufficienti. Così Milano sceglie di limitare al massimo la circolazione dei mezzi pesanti, di quelli che trasportano merci pericolose, e di tutta una serie di tipi di veicoli. Dopo l’Area C, zona a traffico limitato che racchiude il centro storico, l’Area B conta 186 varchi con telecamera e include finora il 72 per cento della superficie urbana e il 97 per cento della popolazione residente.

L'Area B vieta la circolazione dei veicoli diesel, fino agli Euro 4, nei piani del Comune la zona a traffico limitato sarà ulteriormente potenziata entro il 2030

A pochi mesi dal via, il Comune ha deciso di rafforzare la nuova area a traffico limitato, imponendo obblighi che impediscono la circolazione dei diesel, Euro 4 compresi, dei motoveicoli e dei ciclomotori a benzina, Euro 0 e Euro 1, e dei mezzi ingombranti superiori a 12 metri. Entro il 2027, il Comune di Milano vieterà la circolazione di un numero ampio di macchine diesel - fino agli Euro 6 - e a fare altrettanto con le automobili a benzina (Euro 5) entro il 2030.

L'accesso alla Area B è concesso ai ciclomotori e agli autoveicoli elettrici e ibridi. In prospettiva di un ulteriore potenziamento della Ztl, da realizzarsi nell’arco di una decina di anni, il Comune ha deciso di mettere a disposizione degli automobilisti 50 giorni di libera circolazione. Se, in base ai divieti, un autoveicolo non ammesso entra nell’Area B, il proprietario potrà evitare la multa – per ora non è prevista alcuna penalità sui punti della patente – avendo a diposizione un numero limitato d’ingressi.

Dopo avere provveduto a iscriversi all’Area B, infatti, l’automobilista potrà disporre delle deroghe entro un anno: per i veicoli colpiti dai nuovi obblighi, il periodo va dal 1°ottobre 2019 al 30 settembre 2020. Mentre per i mezzi, a cui è vietato l’ingresso nell’Area B già da febbraio scorso, i permessi saranno validi entro il 24 febbraio 2020. Solo una volta superato il numero di ingressi consentiti scatteranno le sanzioni.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook