Finanza
16 Ottobre Ott 2019 1517 16 ottobre 2019

Gli investimenti passivi sono una bolla? Ecco perché Michael Burry sbaglia

Secondo l’economista americano i fondi ETF, cresciuti esponenzialmente nell’ultimo decennio, costituirebbero una pericolosa bolla finanziaria. Ma per gli esperti di Moneyfarm questa argomentazione ignora alcuni aspetti fondamentali degli investimenti passivi. Ecco quali

The Big Short_Linkiesta
Moneyfarm

Nell'arco dell'ultimo decennio gli ETF, ovvero i fondi passivi che replicano l'andamento di un indice, sono passati da un mercato da 800 miliardi di dollari ad uno da 5.500 miliardi. Questa crescita vertiginosa, però, ha generato critiche da parte di molti: l'ultimo nell'ordine è l'economista Michael Burry, colui che dieci anni fa scoprì la bolla che si era creata intorno al mercato dei mutui negli Usa (la sua storia è raccontata nel film The Big Short, dove Burry è interpretato da Christian Bale). Malgrado la sua sia una voce autorevole in ambito economico, però, secondo gli esperti di Moneyfarm l'opinione di Burry che gli investimenti passivi costituiscano una bolla non è completamente giustificata.

Continua a leggere su Moneyfarm

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook