democrazia dal basso
17 Ottobre Ott 2019 0600 17 ottobre 2019

Per capire la politica italiana di domani non dovete guardare l’Umbria. Ma la Catalogna

Nei giorni in cui Zingaretti rilancia una riforma maggioritaria che cementerebbe un bipolarismo tra centrodestra salviniano e centrosinistra demo-grillino, la Spagna ci mostra il nostro futuro possibile

Polizia_Linkiesta

La regione più ricca del paese che promuove la secessione attraverso forme di pseudo-democrazia diretta, referendum illegali autorganizzati senza alcun reale controllo da parte di autorità terze e una propaganda tossica che mescola il peggio del sovversivismo anarcoide e della retorica antagonista sulla "democrazia dal basso" all'ancora peggio del fanatismo etno-nazionalista e della sacralità della tradizione, del suolo e del sangue.

Uno scontro senza precedenti che vede contrapposte sentenze della magistratura e manifestazioni di piazza, diritti delle minoranze e prepotenza delle maggioranze, stato di diritto e demagogia

Uno scontro senza precedenti che vede contrapposte sentenze della magistratura e manifestazioni di piazza, diritti delle minoranze e prepotenza delle maggioranze, stato di diritto e demagogia. Nei giorni in cui Nicola Zingaretti rilancia il progetto di una riforma maggioritaria per cementare un bipolarismo tra centrodestra salviniano e centrosinistra demo-grillino, se volete vedere la politica italiana del futuro non dovete guardare all'Umbria, ma alla Catalogna.

Con la sola avvertenza che in Italia, rispetto alla Catalogna, due elementi del quadro sono già oggi talmente ridimensionati da rischiare l'estinzione: i difensori dello stato di diritto e la ricchezza.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook