diversità
30 Novembre Nov 2019 0600 30 novembre 2019

Da Modena a Genova, a guidare le Sardine ci sono anche i giovani stranieri

Samar Zaoui e tanti altri danno un importante contributo al movimento. Sono loro i primi a battersi contro gli insistenti rigurgiti razzisti e xenofobi e a puntare il dito contro quella che definiscono senza mezzi termini la «cattiva politica»

Sardine_nuove_radici_Linkiesta
Twitter@Giudici Cristina

Ora arriva il momento delle Sardine a Milano, dopo Genova, Bologna e Modena. Ma ciò che non si dice, non si sa interpretare o semplicemente si ignora nel pigro racconto mainstream della maggior parte dei mass media è che nell’onda di questo movimento nato sui social che cresce con l’obiettivo di alzare un solo muro, quello contro la destra xenofoba rappresentata dall’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini, finalmente ci sono leader che hanno background migratorio. A Genova un organizzatore delle Sardine è Simohamed Kaboour. Giovane insegnante di un liceo internazionale, guida il CoNNGI, una vasta rete associativa creata da nuove generazioni di italiani.

Continua a leggere su NUOVERADICI.WORLD

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook