Giustizia pop
9 Dicembre Dic 2019 1206 09 dicembre 2019

Angeli e demoni, Mafia capitale, Mensa dei poveri: proposta contro il marketing delle indagini giudiziarie

Il deputato del Pd Stefano Ceccanti ha presentato un’interrogazione ai ministri dell’Interno e della Giustizia contro i nomi a effetto sempre più utilizzati per le inchieste. Che non rispetterebbero l’articolo 111 della Costituzione sul giusto processo

Bonafede Linkiesta
(Filippo MONTEFORTE / AFP)

Da “Mafia Capitale” ad “Angeli e Demoni”, fino a “Mensa dei poveri”. Il costituzionalista e deputato del Pd Stefano Ceccanti ha presentato una interrogazione ai ministri della Giustizia e dell’Interno Alfonso Bonafede e Luciana Lamorgese contro l’uso sempre più diffuso nella magistratura di dare nomi a effetto alle indagini giudiziarie.

«Questo modo di fare», dice Ceccanti, «porta non a rispecchiare un contenuto tutto da vagliare, ma di fatto a suscitare in modo anomalo un consenso aprioristico dell’opinione pubblica: è una sorta di marketing delle indagini giudiziarie che, al di là dei singoli casi e delle singole motivazioni, collide sotto vari profili con le garanzie stabilite dall’articolo 111 della Costituzione. Per questo è importante che questa spettacolarizzazione cessi quanto prima».

È una sorta di marketing delle indagini giudiziarie che, al di là dei singoli casi e delle singole motivazioni, collide sotto vari profili con le garanzie stabilite dall’articolo 111 della Costituzione. Per questo è importante che questa spettacolarizzazione cessi quanto prima

Stefano Ceccanti

Anche perché, scrive Ceccanti nel testo dell’interrogazione, le ipotesi accusatorie delle indagini alle quali sono stati assegnati nomi a effetto spesso sono «risultate poi nei processi meno solide del previsto». Tutto ciò, dice il deputato, finisce per «alterare l’equilibrio fra accusa e difesa» e anzi rischia di «attentare ai diritti delle persone coinvolte ben prima di qualsiasi riscontro processuale da parte di un giudice terzo, il tutto in violazione di norme costituzionali precise».

A partire dall’art. 111 della Costituzione sul giusto processo regolato dal principio del contraddittorio e dalla formazione della prova. Il deputato chiede quindi ai due ministri «quali iniziative intendano assumere onde assicurare che una simile prassi venga abbandonata e per assicurare che alle inchieste, ove reputato necessario, siano attribuiti nomi in codice con valenza esclusivamente pratica e interna».

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook