Dossier
America vs Iran
8 Gennaio Gen 2020 0512 08 gennaio 2020

Un aereo ucraino si è schiantato a Teheran, 180 persone a bordo

Poco prima dell’alba l’incidente vicino all’aeroporto Imam Khomeini. 176 i passeggeri, tutti deceduti. Le autorità iraniane escludono l’attentato. Ma le autorità Usa pensano ad un missile

Teheran

Un Boeing 737 dell’Ukraine International Airlines è precipitato al suolo dopo il decollo dall’aeroporto di Teheran Imam Khomeini, poco prima dell’alba. A bordo c’erano 176 persone, tra passeggeri ed equipaggio. Secondo le prime notizie, l’incidente non sembra avere un collegamento con gli attacchi missilistici iraniani sulle basi americane e della coalizione internazionale in Iraq. Il velivolo, secondo una fonte ufficiale citata da Farsnews, potrebbe essere caduto per un problema tecnico.

Nessuna delle persone a bordo è riuscita a salvarsi. Erano imbarcati 82 iraniani, 63 canadesi, 11 ucraini, 10 svedesi, quattro afghani, tre tedeschi e tre britannici, come ha scritto sui social il ministro degli Esteri ucraino Prystaiko.

Autorità iraniane e ucraine hanno escluso che l'incidente fosse stato causato da un attacco terroristico. Il disastro secondo le autorità iraniane, si sarebbe verificato a causa di un motore andato a fuoco. La stessa fonte ha respinto le voci di un attacco missilistico. L’ambasciata ucraina ha fornito informazioni coincidenti. Il premier ucraino Aleksey Goncharuk ad un briefing ha esortato a «non costruire versioni fino alle conclusioni definitive della commissione».

L'Iran non cederà a Boeing le scatole nere, come riporta l'agenzia iraniana Mehr.

A quanto riportato dalla Cbs, l'esercito americano è sicuro che invece si sia trattato di un missile iraniano che avrebbe sbagliato bersaglio durante l'attacco a due basi militari americane in Iraq.
I satelliti-spia avrebbero segnalato due lanci di missili terra aria appena prima dell'esplosione del velivolo. E a quanto riferiscono fonti dell'intelligence Usa, alcuni rottami di missili sarebbero stati trovati vicino al luogo del disastro.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook