Il caso Gregoretti
11 Gennaio Gen 2020 0601 11 gennaio 2020

Salvini è un pericolo per la democrazia, ma solo dopo le regionali

Il fronte democratico costituitosi per negare i pieni poteri al leader leghista appare ogni giorno più al di sotto del compito, ostaggio dei propri e persino degli altrui pregiudizi

Salvini_Linkiesta
VINCENZO PINTO / AFP

Il fronte democratico che doveva impedire a Matteo Salvini di assumere i pieni poteri appare ogni giorno più al di sotto del compito, ostaggio dei propri e persino degli altrui pregiudizi, come dimostrano non solo le scelte di governo compiute finora, in perfetta continuità con il governo precedente, ma persino la loro tempistica. A cominciare dall’imbarazzante richiesta di posticipare il voto della giunta sul caso Gregoretti – quello che avrebbe dovuto ristabilire finalmente il primato del diritto e privare l’aspirante tiranno dell’immunità – a dopo le elezioni regionali, perché prima magari porta male. Ma lo stesso si potrebbe dire dei decreti sicurezza, vale a dire il principale intervento legislativo teso a piegare il nostro ordinamento verso il modello ungherese, che sono ancora lì, intonsi. È come se dopo il 25 luglio gli antifascisti avessero passato i successivi quattro mesi a ripetere che le leggi speciali non andavano abrogate, semmai lievemente modificate in accordo con i rilievi della Corona, e comunque senza fretta. Dunque, le cose sono due: o la minaccia dell’autoritarismo salviniano era una barzelletta, o lo sono i nostri aspiranti liberatori.

Sfortunatamente, la minaccia allo Stato di diritto e alla divisione dei poteri portata dal leader leghista è tutt’altro che un’invenzione, come dimostra proprio il caso Gregoretti (e il precedente, identico, della Diciotti). E come confermano al di là di ogni ragionevole dubbio le parole pronunciate ieri dallo stesso Salvini, che minaccia di organizzare una manifestazione contro la possibilità che il parlamento lo mandi a processo per quello che ha fatto.

Se non fossimo da tempo tutti impazziti, il dibattito sul caso Gregoretti (come sul caso Diciotti) avrebbe dovuto essere piuttosto lineare: da un lato i difensori delle garanzie costituzionali poste a tutela dei diritti dell’individuo dagli abusi del potere (politico o giudiziario), dall’altro coloro che a quelle garanzie antepongono il mandato, che sostengono di avere ricevuto direttamente dal popolo-nazione, a realizzare il loro programma, posto pertanto al di sopra di tutto (diritti, leggi, principi). Ma nel mondo alla rovescia in cui purtroppo ci stiamo abituando a vivere, abbiamo invece i garantisti che danno ragione a Salvini (forse perché convinti che essere garantisti significhi dare torto ai pubblici ministeri, a prescindere) e i populisti che lo difendono quando sono al governo assieme a lui e lo scaricano quando si ritrovano sul fronte opposto, dimenticando che il capo del governo era ed è sempre lo stesso, ed è uno di loro. E dimenticandosi pure di Danilo Toninelli, che nel frattempo continua a rivendicare che la chiusura dei porti era tutto merito suo (l’ho già scritto ma colgo l’occasione per ripeterlo: qualcuno lo avvisi). Come se non bastasse, persino Carlo Calenda, che pure è all’opposizione e dovrebbe essere più libero di dire le cose come stanno, spiega che per esprimersi sul caso Gregoretti dovrebbe prima «leggere le carte», e che comunque sul caso Diciotti, fosse stato in Parlamento, avrebbe votato per impedire il processo a Salvini.

Se tra gli esponenti di qualche partito minore di cui mi siano sfuggite le dichiarazioni ce n’è uno che abbia assunto una posizione ragionevole, anteponendo la difesa dello Stato di diritto e della democrazia al risultato delle regionali, mi scuso sin d’ora per l’omissione e prometto di fare ammenda la prossima volta.

Se ci sarà ancora la libertà di stampa, la prossima volta.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook