Quesiti linguistici
8 Febbraio Feb 2020 0559 08 febbraio 2020

Cos’è la “Plastic footprint”? Risponde la Crusca

Dopo l’“impronta di carbonio”, dobbiamo occuparci della nostra “impronta plastica” o “impronta di plastica”. Cosa che non crea pochi problemi alla lingua italiana, oltre che all’ambiente

Plastic Linkiesta
(Pixabay)

Tratto dall’Accademia della Crusca

Una nostra lettrice, traducendo dall’inglese un testo sulla grande quantità di plastica che finisce nei mari, si trova davanti al problema di come tradurre l'espressione plastic footprint.


RISPOSTA

La nostra lettrice suggerisce che plastic footprint si potrebbe tradurre con l’italiano impronta plastica, ma ne trova poche attestazioni mediante una ricerca con Google. Noi in una ricerca fatta il 9 novembre 2019 ne troviamo infatti solo 670. Questo non deve stupire, perché traducendo letteralmente plastic footprint in italiano si dovrà scegliere piuttosto impronta di plastica, che Google trova 32.800 volte. L’inglese plastic è sia aggettivo (“plastico, di plastica”) che nome (“plastica, materiale plastico”), e nella locuzione in esame non fa grande differenza se si debba intenderlo come l'uno o come l’altro, poiché comunque nella morfosintassi di quella lingua un nome giustapposto a un altro nome funge da suo modificatore come se fosse un aggettivo: ad esempio, an iron tank è un serbatoio di ferro (o in ferro), e a wood table è un tavolo di legno (o in legno), sinonimo di a wooden table, con l'aggettivo wooden 'ligneo, di legno'. In italiano invece occorre scegliere se usare l'aggettivo o il nome, che sono diversi e si compongono diversamente con un altro nome, perché solo il secondo richiede la preposizione: impronta plastica o impronta di plastica, appunto.

Poiché dunque anche in italiano esiste l’aggettivo plastico, si potrebbe tradurre l’espressione inglese nel modo suggerito dalla lettrice; ma a questa scelta si oppone il fatto che nella nostra lingua il senso primario dell’aggettivo rimane quello (da cui anche il nome stesso della plastica) di “connesso al modellare”, e quindi anche “che si può modellare, plasmare”. Più raro il senso derivato di “fatto di plastica”, che si limita per lo più a una delle possibili interpretazioni di espressioni fisse come materiale plastico, materie plastiche, dove l'aggettivo resta per così dire in bilico fra i due significati: “modellabile” e “di plastica”. Insomma, l’interpretazione quasi inevitabile di impronta plastica è “impronta modellabile, sulla cui forma si può intervenire”, oppure “ottenuta per modellazione”, che infatti si trova in uso per descrivere opere d'arte scultorea; quindi qualcosa di completamente diverso da impronta di plastica.

Questo non impedisce la diffusione (per adesso minima) di impronta plastica anche nel senso ecologico, per l’appunto soprattutto entro la comunicazione di agenzie e aziende che si presentano come impegnate a tutela dell'ambiente: si trova in siti come quelli di Greenpeace, A Good Company, Green Planet News, Veg Sicilia, Lidl, Unilever; per lo più ancora fra virgolette, che testimoniano dell'incertezza sulla adoperabilità del termine. Partendo da queste fonti, non è escluso che si diffonda maggiormente in futuro.

A parte questi avamposti di un possibile affermarsi del neologismo impronta plastica, come detto in apertura l’espressione italiana che si candida direttamente a ricalcare plastic footprint è il più corretto e assai più frequente impronta di plastica, anche se per adesso non trova spazio nei dizionari e (da una ricognizione su versioni online di “Repubblica”, “Corriere della sera” e “Sole 24 Ore”) non sembra accolto dalla prosa giornalistica. Meglio affermate sono le espressioni più generali impronta ecologica e impronta ambientale, presenti anche nella banca dati IATE (Interactive Terminology for Europe, è il database terminologico europeo, attivo dal 2004) come traducenti rispettivamente di ecological footprint ed environmental footprint, sui quali verosimilmente è formato per analogia anche plastic footprint.

L’espressione si riferisce in modo trasparente (attraverso la metafora dell'impronta) alla traccia che un’industria, un Paese, un settore manufatturiero, una singola persona lascia nell'ambiente, con specifico riferimento alla plastica che adopera e riconsegna all'ambiente stesso.

CONTINUA A LEGGERE

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook