Le parole sono importanti
7 Aprile Apr 2011 1618 07 aprile 2011

Una campagna del Pd che non passa inosservata

Chi l’ha detto che la comunicazione del Pd deve essere per forza “seria” e “grave”? Lo stile dei principali esponenti del partito ci farebbe pensare che non esistono altre modalità di espressione possibili. Una recente campagna sul tema dei trasporti dimostra il contrario.

La campagna, che ruota intorno al sito muoviamoci.org, consiste in una serie di materiali, che - utilizzando uno stile ironico e leggero - vogliono riportare l’attenzione sulla questione dei trasporti.

Il registro comico favorisce la comprensione del messaggio (i tagli del governo fanno allungare i tempi di attesa e il disagio dei cittadini) e la sua memorizzazione.


Non mancano delle cose che si possono migliorare, per esempio il ritmo dei filmati potrebbe essere velocizzato per adattarsi meglio ai ritmi del web, (questo il link al canale YouTube che li raccoglie)

Tuttavia ma la campagna – realizzata dall’agenzia YoYo comunicazione - segna una linea di lavoro da approfondire.

Mi sorge solo un dubbio, sull’opportunità politica di scegliere il tema del trasporto. Siamo sicuri che nella percezione dei cittadini il centrosinistra saprebbe (o ha saputo) gestire la questione meglio del centrodestra? Non sarebbe invece il caso di puntare su temi in cui il Pd è tradizionalmente percepito come più forte?

PS. A chi si scandalizzasse, pensando che usare i toni del comico non è appropriato alla politica è utile ricordare che la comicità è uno strumento, che si può usare a fini positivi o negativi.

Peppino Impastato, per esempio, nel programma più seguito della sua emittente, Radio Aut, usava proprio le armi dell’ironia per attaccare la mafia. La trasmissione aveva un enorme successo; avvicinando le persone con uno stile leggero riusciva a far passare il suo messaggio contro la criminalità. La mafia – purtroppo - comprese quanto potesse essere efficace.

g.giansante.linkiesta@gmail.com

gianlucagiansante.com

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook