grand-tour
20 Aprile Apr 2011 1900 20 aprile 2011

Paesaggi da esporto

A New York c’è un paesaggio italiano omogeneo e cristallizzato che abita nei menu dei ristoratori. E’un distillato di ciascuna regione, che arreda gli ambienti, colonizza gli angoli e le specchiere, si insinua persino nei tendaggi e nei tessuti.

Carico di nostalgia, è irrimediabilmente reso prosaico dalla lettura del numero di ingredienti di ciascun piatto (sempre 1 0 2 di troppo), ma rimane uno spaccato interessante della percezione all’estero di cosa sia l’Italia e il suo territorio.

Pur essendo stucchevole, cenare in un ristorante tipico rassicura e rende più inclini a teorizzare l’esistenza di una qualità residua del paesaggio in Italia, o almeno della sua esistenza nell’immaginario collettivo

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook