Falafel Cafè
24 Aprile Apr 2011 1051 24 aprile 2011

Sondaggio in Israele: Shimon Peres è il più amato

A quasi 88 anni continua ad essere il politico preferito dagl’israeliani. Di più: un faro. E ancora: un «brand», un marchio, come ha scritto mesi fa la rivista economica ebraica “Calcalist”. Shimon Peres, presidente d’Israele, è il membro della classe dirigente più amato - su un elenco di sedici personalità importanti - dalla popolazione secondo un sondaggio del quotidiano “Haaretz”. Peres è apprezzato dal 72 per cento degli intervistati, mentre solo il 20 per cento lo critica. Fra la popolazione araba dello Stato ebraico l'apprezzamento sale al 78 per cento.

Dopo Peres i più stimati sono il presidente della Knesset (il parlamento) Reuven Rivlin (Likud, partito di destra) e il governatore della Banca d'Israele Stanley Fisher, entrambi con il 60 per cento dei consensi. In questo sondaggio i principali esponenti del governo se la passano male. Il premier Benjamin Netanyahu soddisfa solo il 38 per cento della popolazione a fronte di una 53 per cento che lo critica.

Stessa sorte anche per il ministro degli Esteri Avigdor Lieberman: riceve solo il 40 per cento dei consensi, mentre i pareri negativi raggiungono il 52 per cento. Ultimo in classifica, almeno nel governo, l ministro della Difesa Ehud Barak: l’ex leader del centro-sinistra israeliano piace solo al 30 per cento del campione statistico, mentre il 63 per cento lo trova insoddisfacente.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook