Club House
25 Aprile Apr 2011 2023 25 aprile 2011

Benedetti fischietti!

Gianfranco Teotino sul suo blog parla dei fischietti del calcio italiano e arriva alla conclusione che in questo momento sono i peggiori al mondo. La vulgata dice che nel rugby la scelta arbitrale viene presa per quella che è e si continua a giocare. Vero in parte, perché basta guardare una partita o in televisione o allo stadio per rendersi conto che non è esattamente così. Certo, c'è il rispetto nei confronti della figura del giudice di gara: nessuno oserebbe in campo mandarlo platealmente a quel paese, a onor di telecamera. Nessuno oserebbe insultarlo, tirando in ballo la madre. Nessuno si oserebbe mettergli le mano addosso. Ci vuole stile e quello non si compra al supermercato.

Però educatamente si può alzare la mano e dire che non si concorda. Sabato pomeriggio, ad esempio, il presidente degli Aironi di Viadana Silvano Melegari prima ha elogiato il comportamento dei suoi giocatori che hanno sì perso 8-20, ma l'avversario era il Leinster, storico club di Dublino con un XV iniziale composto per l'80% da nazionali irlandesi. Poi ha speso due parole su Andrew McMenemy, l'arbitro scozzese che ha diretto l'incontro, affermando ciò che era palese ai più: che non aveva gestito bene alcune situazioni. Lo ha fatto educatamente, senza strascichi polemici e Rowland Phillips, il coach gallese della franchigia mantovana che era al suo fianco in conferenza stampa, non si è neppure permesso di aggiungere dell'altro. Piuttosto ha voluto condividere la soddisfazione di padre: sua figlia mercoledì debutta con il Galles Under 20 contro l'Inghilterra.

Roba antropoligicamente superiore. Questa sì, mica certa presunzione alla Michele Serra: perché qui davvero si parla di uomini. Tipo: sfida di Super Rugby (torneo d'élite australe) tra i sudafricani Natal Sharks e i neozelandesi Hurricanes. Un giocatore ospite viene travolto da un'ondata offensiva dei padroni di casa, con il ginocchio che gli fa uno strano giro. Deve abbandonare definitivamente il campo e lo fa uscendo sulle proprie gambe. Evitando, come ha fatto giustamente notare il funambolico Vittorio Munari (dirigente della Benetton Treviso e commentatore Sky), la sceneggiata della macchinetta con barella incorporata, giusto per farsi mettere un po' di spray. Si stava parlando dei calciatori, ovviamente.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook