Yottabyte
14 Maggio Mag 2011 2014 14 maggio 2011

Chromebook: netbook e nuvole, la nuova faccia dell'informatica?

Annunciato nei giorni scorsi alla developer conference di Google, Chromebook ha raccolto, giustamente, grossa copertura mediatica.

Ma cosa é Chromebook?
Innanzitutto é la nuova ennesima categoria che si affaccia nel già discretamente affollato mondo informatico (ne avevamo bisogno?).
I Chromebook sono, o dovrebbero essere, nuovi, mini-portatili, basati su Chrome OS (il sistema operativo di Google) progettati per vivere sul web.

L'idea di Google é semplice:
a) i netbook sono in sofferenza (anche se in Italia continuano a rappresentare il 30% del mercato)
b) i netbook sono lenti e limitati.
Offriamo al mondo Chromebook (il processore é lo stesso Intel Atom dei netbook...) e un sistema operativo snello completamente pensato per l'esperienza web.

I nuovi portatili dovrebbero essere di fatto istant-on, sono pensati per "vivere in stand-by" e tutte le applicazioni sono residenti sulla "nuvola". Siamo di fronte ad una novità epocale? Al primo esempio di cluod computing per tutti?

Smarchiamo innanzitutto il punto novità.
Non lo é il cloud computing "per tutti", questo é già una realtà da anni per tutti coloro che già utilizzano un qualsiasi account webmail (e.g. Hotmail, Gmail, Yahoo, per citare i principali), lo é parzialmente l'idea di offrire le applicazioni agli utenti passando attraverso il Chrome Web Store (é il modello di moda attuale, la mela insegna).
Non é l'instant-on e la durata della batteria, abbiamo già avuto sul mercato esempi di netbook con Android con risultati di vendita molto scarsi (e parlo con congizione di causa).

Le novità, a mio modo di vedere, sono altre: l'idea di fornire agli utenti un accesso ai propri dati semplice e immediato da qualsiasi postazione web (i dati degli utenti vengono salvati sulla famosa nuvola e sono sempre accessibili da qualsiasi postazione con o senza Chromebook) e l'idea di proporre il servizio a canone/costo fisso.
A fianco a queste novità, decisamente interessanti, i punti critici non mancano.
Gli utenti sono veramente pronti a gettare il cuore oltre l'ostacolo e a spostare i loro dati sul web? I social network direbbero di si ma qui siamo di fornte a qualcosa di differente ad uno status o ad un link o un video da condividere.
Gli utenti sono veramente disposti a spendere 350€ (il prezzo stimato della più economica delle prime due soluzioni comemrcalizzate) per un "netbook-web" quando con 199€ possono acquistare un netbook con stesso processore, sistema operativo Windows e hard disk?
Gli utenti sono disposti ad abbandonare "windows"? Gli esempi degli scorsi anni di netbook con Linux sembrerebbero dire di no ma oggi i tablet stanno dimostrando che gli spazi ci sono.
Come al solito le risposte le darà il mercato, stay tuned.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook