PAPAGENO - Incursioni nella musica d’oggi
1 Giugno Giu 2011 0809 01 giugno 2011

Sainkho Namtchylak, Arto Lindsay e Giuliano Pisapia

Ieri sera concerto conclusivo di Music Workshop, rassegna che si è svolta nelle ultime tre settimane al Teatro dell’Arte di Milano nata da una coproduzione Triennale-Ponderosa Music & Art.
Il programma era notevole: dodici serate tra elettronica, improvvisazione, pop, le turcherie di Mercan Dede, un concerto su poesie di Majakovski, i Kraftwerk rivisti dal Balanescu Quartet e due lezioni di rock a cura di Enzo Gentile per imparare a suonare come Jimi Hendrix e Tom Waits.
Il vertice è stato raggiunto ieri sera, con la straordinaria Sainkho Namtchylak accompagnata da Arto Lindsay.
Lei ha una voce incredibile. Viene dalla Siberia meridionale, vicino alla Mongolia – e si sente dalle melodie che a noi sembrano cineseggianti. Conosciuta un tempo come cantante folk, ha poi sviluppato un suo personale modo di fare musica utilizzando elementi e tecniche delle tradizioni lamaiste e sciamaniche, e in particolare del canto Xöömej. E così le viene naturale ad esempio cantare note distanti sette ottave (immaginate un pianoforte) e realizzare polifonie vocali, cioè emettere più suoni contemporaneamente.
Lui, cantautore e chitarrista che ama fondere ritmi e melodie di culture e generi diversi, anche con un po’ di provocazione, è affezionato a Milano. E poiché gli piace seguire le vicende politiche delle città che visita nelle sue tournée, nei giorni scorsi ha voluto esprimere la sua preferenza firmando un appello per Pisapia sindaco.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook