Nel mirino
9 Giugno Giu 2011 1431 09 giugno 2011

Una mostra da vedere


(Follow me, Wang Qingsong – 2003)

Una mostra da vedere quella da Primo Marella Gallery a Milano che inaugura stasera.

Si intitola "A Tribute To Photography": 30 anni di fotografia al top.

Oltre cinquanta gli artisti prescelti: Cindy Sherman, Andres Serrano, Tracey Moffatt, Shirin Neshat, Robert Mapplethorpe, Thomas Ruff, Nan Goldin, David La Chapelle e anche Zhu Ming, Jiang Zhi, Wenf Fen, Lu Zhengyuan, Ayana V. Jackson, Liu Zheng, Yang Fudong e tantissimi altri.

E' da vedere non solo perché le foto in mostra sono davvero tutte
spettacolari, ma perché insieme ai soliti mostri sacri occidentali
compaiono anche gli orientali, alcuni parecchio affermati, altri
meno, ma tutti interessanti e bravissimi.

E' in mostra anche la meravigliosa "Follow me" di Wang Qingsong che ha raggiunto a un'asta gli 800.000 $.

L'artista in quest'opera esplora le contraddizioni di una società
divisa fra difesa della tradizione e cultura del consumo.

La foto ha un impatto visivo notevole, i colori sono vibranti, il
formato 120 x 300 cm ne fa un enorme tela su cui indugiare e
spostarsi di "punctum" in "punctum" notando via via qualcosa di
diverso. La Coca Cola sulla scrivania cinese tradizionale di legno
intagliato, una copia di "The Art Book" a suggerire un approccio "da
tascabile" alla cultura. E poi sulla lavagna, ideogrammi cinesi
insieme a frasi in inglese, il simbolo di mcdonalds, il baffo della
Nike, ecc.

Non mi stupisce che questa mostra l'abbia fatta proprio Primo
Marella, precursore in occidente nell’individuazione dei talenti
emergenti anche nelle aree geografiche più lontane e misconosciute.

Forse è anche arrivato il momento di riscrivere i libri di storia
della fotografia scrollandosi di dosso l'idea ormai polverosa di una
presunta supremazia culturale dell'occidente.

La mostra sarà aperta dal 9 giugno al 31 Luglio
Primo Marella Gallery
Viale Stelvio 66
Milano

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook