Punto e a Capo
11 Giugno Giu 2011 2112 11 giugno 2011

Annuntio vobis gaudium magnum: Habemus Palam!

I primi sei mesi di quest’anno sono stati caratterizzati da innumerevoli tragedie che hanno riguardato la natura, la tecnica e i popoli.
L’entità di tali catastrofi ci interpella.
È l’uomo che viene per primo, ed è bene ricordarlo. L’uomo, al quale Dio ha affidato la buona gestione della natura, non può essere dominato dalla tecnica e divenirne il soggetto.

Una tale presa di coscienza deve portare gli Stati a riflettere insieme sul futuro a breve termine del pianeta, di fronte alle loro responsabilità verso la nostra vita e le tecnologie.


L’ecologia umana è una necessità imperativa.


Adottare in ogni circostanza un modo di vivere rispettoso dell’ambiente e sostenere la ricerca e lo sfruttamento di energie adeguate che salvaguardino il patrimonio del creato e non comportino pericolo per l’uomo devono essere priorità politiche ed economiche.
In questo senso, appare necessario rivedere totalmente il nostro approccio alla natura.

Benedetto XVI, 9 giugno 2011

Il Papa lo ha affermato nel discorso ai nuovi ambasciatori di Moldova, Guinea Equatoriale, Belize, Siria, Ghana, Nuova Zelanda: implicito il riferimento alla tragedia della centrale nucleare di Fukushima.

Annuntio vobis gaudium magnum: Habemus Palam!!!


 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook