Marchionne veste Prada
16 Giugno Giu 2011 1608 16 giugno 2011

Pitti Uomo: i buyer asiatici più preparati di quelli italiani?

Il proprietario di un brand italiano che espone a Pitti si confessa off the record: "Questi buyer italiani sono dozzinali: sanno solo dirti "eh ma questo costa troppo", non gli importa nulla del fatto che il prodotto sia made in Italy e che sia fatto con tessuti pregiati, magari completamente artigianale. A dirla tutta, alcuni tessuti non sanno nemmeno cosa sono". E aggiunge: "Le percentuali più cospicue dei loro budget vanno ai brand riconoscibili: nomi come Vuitton, Prada, Armani vanno bene perchè sono specchietti per le allodole. La ricerca ai negozi italiani non interessa, quello che conta è la cassa".

Diversa l'opinione sui "cugini" asiatici: "Loro si siedono a un tavolo e vogliono capire. Capire che tessuto abbiamo usato, perchè e da dove viene. Capire perchè un capo costa quanto costa. Sanno valorizzare il made in Italy più di quanto non facciano gli italiani: un po' triste, ma è la verità".

I buyer asiatici che si aggirano nei padiglioni meno brandizzati del Pitti - quelli con i marchi meno noti, giovani o nuovi - in effetti sono molti. Gli italiani affollano, per quanto ho potuto vedere, casual e sport e un po' anche il classico.

Quando chiedo lumi ad altri marchi mi viene fatto un sorrisino: "eh, hanno i loro budget".

E' ovvio che un marchio importante attira i clienti più di uno sconosciuto, ma la ricerca non dovrebbe essere uno dei capisaldi della moda, anche di chi la compra?

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook