grand-tour
26 Luglio Lug 2011 0816 26 luglio 2011

Landmark by night

Qualche tempo fa, in prospettiva di un libro che speriamo uscirà a breve, abbiamo chiesto a Michele Buda uno scatto notturno dei ponti di Santiago Calatrava a Reggio Emilia (l'architetto del nuovo ponte di Venezia per intenderci). Tre landmark in successione che segnano definitivamente il paesaggio alle porte della città per chi arriva in macchina, e che chi viaggia molto in autostrada forse conosce bene.

Anche da qui, in mezzo al nulla intorno all'infrastruttura, tra piana e cascine in abbandono, fanno un certo effetto: luminosi e pulsanti nel buio più blu, dalle linee accuratamente slanciate per accompagnare il traffico, renderlo quasi elegante, accattivante. Un'architettura sinuosa, affusolata direi.

A quanto pare lo stesso architetto disegnerà anche la stazione dell'alta velocità qui vicino, come dire o tutto o niente. Le amministrazioni non hanno troppa immaginazione, e una volta trovato un archistar meglio non mollare la presa, da entrambe le parti evidentemente. Questione di economia, e anche un po' di pigrizia intellettuale.

Se uscite dall'autostrada anche voi per dare un'occhiata attenti a non perdervi nei gangli meno affascinanti degli svincoli, disegnati da saperi tecnici mai messi in discussione.

Anche quella può essere un'esperienza contemporanea, un'avventura, ma forse meno suggestiva.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook