Quello che non c’è
5 Agosto Ago 2011 1428 05 agosto 2011

Quello che non c'è: un inizio.

E' il 5 agosto, a Milano. Attraversando la canicola, pare non ci sia traffico, ma rade schegge impazzite che saettano sull'asfalto. Non c'è respiro.

Questo blog nasce da qui: quello che non c'è. Che non c'è più; che non c'è ancora; che non c'è. Tutto ciò che ci è negato e che neghiamo. Siamo una generazione che si definisce per negazione, dalla politica alla società, destra è non sinistra, sinistra non destra, un'esemplificazione superficiale di quello che non c'è: l'assoluta determinazione ad essere. A fare.

Allora guardo la mia città, quella che vivo come posso e che mi ferisce come non vorrei, quella che scrivo trasfigurandola in sogno o incubo, a seconda. Nicolai Lilin ha scritto che dopo il servizio militare non è più riuscito a godere la bellezza di un paesaggio, ma guardandolo pensa puntualmente a dove sarebbe meglio posizionare il cecchino o la mitragliatrice. Io non riesco più a guardare la città senza pensare a come potrebbe essere, come rischia di trasformarsi, a cosa le manca, a come la vorrei. A cosa farò accadere, e dove, ricreandola sulla pagina dove c'è un unico demiurgo, io. La guardo e penso a quello che non c'è. A quel che faccio, e quel che non faccio.

Scriverò questo blog canticchiando una canzone potente e struggente e riflettendo su quello che non c'è. Per indagare, da scrittore, quello che non c'è a Milano. Per indagare, da noirista, perchè Milano muore. Sperando di esserne capace. Perché, come dice la mia fidanzata parafrasando Emily Dickinson, non sapendo quando verrà l'alba, lascio aperta ogni porta...

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook