Club House
11 Agosto Ago 2011 2058 11 agosto 2011

Ferragosto

Che questa nazione sia strana (ma anche le altre non sono da meno), lo si capisce dalle polemiche sul paventato sciopero dei calciatori. Le nostre piazze e i dibattiti mediatici si riempiono a scadenze regolari di gente che ricorda come il lavoro sia un diritto che va tutelato, che la dignità dei dipendenti va salvaguardata, che i proprietari sono delle canaglie. E l'opinione pubblica concorda. Poi arrivano i calciatori che chiedono di allenarsi con il resto della squadra anche se messi fuori rosa dalle società (i grandi sindacati le deuncerebbero per mobbing se ci fossero di mezzo gli operai) e di non essere ceduti forzatamente, senza il loro consenso, ma il risultato non è lo stesso. Dicono perché siano troppo ricchi ergo troppo viziati. E la lotta di classe finisce per generare le classi.

Il geniale Giovannino Guareschi attribuiva certi colpi di testa al torrido sole dell'estate che martella i cervelli: quest'anno la bella stagione ha fatto capolino tardi, meteorologicamente parlando. Sportivamente, non ha mancato l'appuntamento. Addirittura la Formula 1 ha regalato emozioni con i gran premi del Nurburgring e di Budapest, con un Lewis Hamilton (nella foto, via Guardian) capace di fare il bello e il cattivo tempo, per l'appunto, a bordo della McLaren. Sorpassi, sportellate, acceleratori tenuti premuti con buona pace di KERS e menate varie.

Quanto al rugby, si sa. Il 9 settembre parte il Mondiale in Nuova Zelanda, le nazionali sono in campo per affrontarsi e rifinirsi. Sabato tocca anche all'Italia di Nick Mallett che a Cesena affronterà il Giappone di John Kirwan. Una settimana più tardi, a Edimburgo giocherà contro la Scozia. Poi si scende nell'emisfero australe, dove neozelandesi, australiani e sudafricani sono in pieno Tri Nations. Sempre sabato, è il turno di Sud Africa - Australia: gli Springboks giungono da due scoppole e finalmente vedono il rientro dei key players tenuti fino ad ora a rigoroso riposo dal coach Peter De Villiers. E' una guerra psicologica, quella di non svelare le carte ai nemici. E ognuno l'affronta come meglio crede, campi d'allenamento segreti compresi.

Detto tutto? Forse. Ma siamo alle porte di Ferragosto e se nemmeno il Consiglio dei ministri si riunisce il 15 per affrontare la crisi (qualche determinato antistatalista potrebbe trovare la decisione azzeccata, ché "meno ci mette mano meno fa danni"), improponibile solamente supporre che certi cervelli si azionino come Dio comanda. Cheers!

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook