Intervistato.com
3 Settembre Set 2011 1251 03 settembre 2011

David Orban su Intervistato.com 1/2

■ Chi è David Orban?

Intervistato.com continua con l'intervista a David Orban, imprenditore e visionario attualmente CEO di Dotsub.com.

Abbiamo iniziato l'intervista chiedendo "Qual è la domanda che dovrei fare?", il motto di David da molti anni. A suo avviso è un buon modo per cominciare perché permette di segmentare la propria ignoranza, che lui divide in tre grandi aree: l'ignoranza fattuale, quella dei processi e delle buone pratiche, e infine quella delle cose che non si sa di non sapere.

David è diventato da poco il CEO di Dotsub.com, una piattaforma che permette di trascrivere e tradurre qualsiasi video in qualsiasi lingua allo scopo di abbattere le barriere linguistiche e rendere possibile la libera diffusione della conoscenza.

Abbiamo chiesto a David la sua opinione riguardo alla stigmatizzazione dei social media conseguente ai disordini inglesi. Secondo la sua analisi, l'ipotesi di bloccare i social rappresenta una posizione ipocrita, considerati gli elogi dei social e le dure parole di condanna per la censura attuata nei paesi della Primavera Araba solo pochi mesi prima, ma anche una decisione cieca, perché farebbe scomparire anche ogni impiego positivo delle piattaforme tecnologiche.

David ha sottolineato l'importanza di avere consapevolezza del peso che i social network stanno assumendo nel mediare le nostre comunicazioni, ma soprattutto di salvare i propri dati utilizzando gli strumenti recentemente messi a disposizione da Facebook e Google+.

L'ultimo grande argomento affrontato in questa prima parte dell'intervista è stato quello della singolarità tecnologica, definita come il momento nel tempo in cui gli strumenti del cambiamento diverranno indipendenti dal controllo umano.
Intelligenza artificiale autonoma, con cui sarà possibile parlare e interagire.

Alcuni dicono che sia impossibile, altri che sarà difficile che accada. Quel che è certo è che cambierebbe radicalmente l'universo e il mondo come lo intendiamo oggi.

Invito tutti a guardare questa prima parte dell'intervista. La seconda parte sarà online tra pochi giorni!

Leggi il post completo su Intervistato.com

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook