Nel mirino
21 Settembre Set 2011 0956 21 settembre 2011

La fotografia di moda è arte?

Erwin Blumenfeld, 1950

Esiste davvero una distinzione fra i fotografi cosiddetti "artisti" e i fotografi "di moda"?

Non credo proprio.

Il fatto, innegabile, che la foto di moda nasca in origine con l'intenzione di rendere più desiderabile un abito e favorirne la vendita non pregiudica l'artisticità della fotografia.

Il fondatore di Vogue, Conde William Nast è stato un pionere nel capire le potenzialità di andare oltre la semplice illustrazione dei prodotti a mo' di catalogo.

Nast utilizzò sempre artisti, convinse Cecil Beaton a diventare fotografo (era disegnatore) ed Edward Steichen ad abbandonare la pittura e diventare uno dei più grandi fotografi di tutti i tempi.

Forse che le foto di Beaton e Steichen non sono arte?

Cecil Beaton, 1948

E quelle di Erwin Blumenfeld, Richard Avedon, Irving Penn, Steven Klein, David LaChapelle, Steven Meisel?

Quello che accomuna tutte queste immagini è che vanno ben oltre l'obiettivo di vendere degli abiti e passata la stagione in cui si possono contestualizzare con le collezioni in vendita nei negozi le immagini restano.

I vestiti diventano così solo dei props come altri elementi presenti nell'immagine.

Un'obiezione che sento fare spesso è che “l’opera d'arte dovrebbe essere il frutto di uno spontaneo bisogno dell’artista di esprimersi”.

E in realtà quando un fotografo lavora per un giornale non è mai da solo a prendere le decisioni, ci sono le esigenze del giornale, del fashion editor con cui lavora ecc ma anche in questo caso non si possono dare giudizi di valore a prescindere. Anzi a volte dal lavoro di gruppo e dal confronto nascono risultati estremamente interessanti e non capisco perchè questo dovrebbe essere considerato diminuitivo dell'artisticità del prodotto finale.

Forse dovremmo pensare ai marchi e i giornali come i mecenati di un tempo, dopotutto Michelangelo ha affrescato la Cappella Sistina su commissione.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook