Intervistato.com
30 Settembre Set 2011 1731 30 settembre 2011

Dino Amenduni su Intervistato.com

■ Chi è Dino Amenduni?

Intervistato.com ha avuto il piacere di intervistare Dino Amenduni, giornalista e blogger su Il Fatto Quotidiano.

Dino ha tracciato un quadro lucidissimo della situazione del giornalismo attualmente in Italia, contraddistinta da due dinamiche divergenti: quella dei giornalisti cosiddetti tradizionali e quella di tantissime figure professionali, in molti casi non giornalisti "puri", che fanno informazione entrando in uno scenario in cui non sarebbe stato possibile entrare fino a pochi anni fa senza un editore (di giornale o televisivo che fosse).

Nonostante questo, secondo l'opinione di Dino, nel lungo periodo sarà possibile individuare le firme più autorevoli e credibili a prescindere dal mezzo utilizzato.
Per quel che riguada il giornalismo televisivo, ci sono altri aspetti da considerare: da un lato i tempi televisivi sono molto diversi dai tempi del web (il telegiornale, ad esempio, ha dei tempi prestabiliti in fasce orarie fisse), dall'altro i talk show politici soffrono di un eccesso di polarizzazione del dibattito.

Raramente infatti la discussione porta a una proposta concreta o a un punto di contatto, ma rimane incentrata su fatti non dimostrabili e guerre di dati e interpretazione di dati: una soluzione che integri gli strumenti del web, in maniera da arricchire il dibattito, secondo Dino è molto probabilmente il destino della televisione.

Abbiamo parlato della recente manovra finanziaria, vista come un insieme di necessità di ordine generale e l'adozione di alcune scelte politiche che nulla avevano a che fare con la manovra (articolo 8 sulle contrattazioni collettive di lavoro ad esempio).
Da questo punto di vista il parere di Dino è negativo, in quanto l'accanimento contro le fasce più deboli lascia trasparire la volontà di far scemare la possibilità effettiva di informarsi e partecipare attivamente alla vita pubblica.

Abbiamo chiesto anche qualche considerazione rispetto all'intervista a Terry De Nicolò, che Dino ha analizzato in dettaglio sia dal punto di vista contenutistico che da quello del linguaggio.
Si tratta fondamentalmente di un quadro fedele di quella che è l'antropologia del sistema di potere berlusconiano, raccontato da una persona che lo conosce bene e inoltre condiviso da una parte non indifferente della popolazione italiana.

Naturalmente abbiamo parlato anche della dieta mediatica di Dino, della situazione degli immigrati, del giornalismo online, utilizzo dei social media da parte di figure politiche, gli attriti tra Lega e PdL e molto altro.
Invito tutti dunque a guardare l'intervista integrale, molto più ricca di informazioni e riflessioni rispetto a questa mia breve sintesi.

Leggi il post completo su Intervistato.com

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook