Un pugno di mosche
1 Ottobre Ott 2011 1442 01 ottobre 2011

Land grabbing - davvero?

Negli ultimi 10 anni 227 milioni di ettari (un’area grande quanto l’Europa occidentale) nei Paesi in via di sviluppo è stata ceduta a investitori stranieri.

La gran parte degli “accaparramenti” ha avuto luogo negli ultimi 2 anni.

Ciò è attestato e documentato nel rapporto "La nuova corsa all’oro [verde, ndr], lo scandalo dell’accaparramento delle terre nel Sud del Mondohttp://www.oxfamitalia.org/wp-content/uploads/2011/09/La-Nuova-Corsa-allOro-Oxfam-Italia-ok-21-09-2011.pdf, pubblicato anche in lingua aliana da Oxfam International.

"La maggioranza degli accordi riguardanti la terra agricola in Africa sono per l’esportazione di materie prime, biocarburanti e fiori recisi inclusi”. E’ quanto emerge, ancora, dalle ricerche di Oxfam in Etiopia, Ghana, Mali, Mozambico, Senegal, Tanzania. “In Mozambico, dove il 35% della popolazione è cronicamente in stato di insicurezza alimentare, solo 32.000 ettari dei 433.000 oggetto di investimenti in agricoltura nel 2007 e nel 2009 sono destinati alla semina di cereali alimentari.”

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook