Nel mirino
5 Ottobre Ott 2011 1611 05 ottobre 2011

Amuse-bouches di storia della fotografia

Robert Frank - New Orleans, 1955

Domenica mattina sono andata al Museo del 900 (Milano) a vedere “Conversations” una mostra di 80 fotografie tratte dalla collezione di Bank of America Merrill Lynch. Avete tempo fino al 15 gennaio e vi suggerisco di non perdervela.


Gli autori sono tutti Maestri indiscussi della fotografia, fra cui: Julia Margaret Cameron, Eugène Atget, Alfred Stieglitz, Paul Strand, László Moholy-Nagy, Irving Penn, Man Ray, Walker Evans, Robert Frank, Lee Friedlander, Cindy Sherman, Bernd e Hilla Becher, Thomas Struth, Thomas Ruff, Candida Höfer.


Mi chiedo cosa debba essere l'intera collezione se questa ne è solo una piccola parte.


Quello che mi colpisce è l'intelligenza delle scelte curatoriali, ogni immagine in mostra rappresenta una pietra miliare nella storia della fotografia, e non mi stupisce che sia stato Beaumont Newhall, fondatore e direttore del Dipartimento di fotografia del MOMA a New York, insieme alla moglie Nancy a iniziare la collezione nel 1967 su mandato della Merrill Lynch.

William Eggleston - Memphis, 1970

Tutte le foto in mostra si prestano a una lettura su più livelli: si possono ammirare per la loro valenza estetica e/o storica, ma ai “lettori” più attenti gli spunti di riflessione non mancheranno, io stessa mi sono sentita overwhelmed e ho dovuto prendere delle pause fra una foto e l'altra per fare sedimentare i pensieri.

Stéphane Couturier - Berlin, 1996

Ogni immagine rimanda ad almeno uno dei grandi temi che hanno animato il dibattito intellettuale sulla fotografia dalla sua nascita ad oggi.

Joel Sternfeld - Niagara Falls, 1994

C'è la critica alla cultura americana del dopoguerra di Robert Frank, l'uso “democratico” della fotografia di William Eggleston, Il gesto fotografico come strumento di rivitalizzazione estetica nei cantieri di Stephane Couturier, l'analisi dei fondamenti del linguaggio fotografico di Thomas Ruff, l'interrogazione sulla riproducibilità della fotografia di Vera Lutter, la convivenza di diverse epoche storiche nelle immagini di Robert Polidori, l'ingannevolezza del significato delle immagini evidenziata da Joel Sternfeld e molto altro.

Vera Lutter - Chicago, 2001

Thomas Ruff - Barcelona Pavilion, 2000

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook