Rolling Stone
6 Ottobre Ott 2011 2049 06 ottobre 2011

Stay hungry, stay foolish?

Strano: in queste ore, sul web, sui blog, su Facebook, tutti citano la famosa frase di chiusura del discorso del 1995 di Steve Jobs ai neolaureandi di Stamford "Stay hungry, stay foolish", traducendola in italiano con un "Siate affamati, siate folli".
Penso però che Jobs intendesse una cosa un po' diversa: e cioè "Restate affamati, restate ingenui". Restate. Rimanete. Continuate cioé ad essere affamati come lo eravate da bambini, o "restate sempliciotti, sciocchi, ingenui, stolti (cioé "foolish", che in inglese non significa folle) come lo ero io quando mollai i corsi all'università per seguire il solo corso che mi appassionava, quello di calligrafia". È una piccola ma importante differenza: non "siate affamati, siate folli" bensì "restate affamati, restate ingenui". Cioè... non perdete l'innocenza, continuate a meravigliarvi.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook