Quello che non c’è
21 Ottobre Ott 2011 1450 21 ottobre 2011

Quello che non c'è: l'Indice

ANNO DI CARLETTO IN REGALO COI SOFFICINI FINDUS, 21 OTTOBRE

INDICE DI CONSIDERAZIONE DEL RUOLO SOCIALE DI DIVERSE CATEGORIE COMPARSE NEL TELEPUTER E PERCIO' ESISTENTI

  • MEDICI: beh, già il fatto che debbano prestare un giuramento, di salvare le vite altrui, ecco, se non è da stimare questo... ovviamente, un cattivo medico, un medico senza etica, è il male incarnato.
  • SBIRRI: è come fare outing ma stimo grandemente le forze dell'ordine, quando non corrotte dagli uomini svolgono un mestiere nobile e sacrificale.
  • BLACK BLOC: siano chi siano, ottengono quello che vogliono divertendosi e con un'estetica altamente riuscita. E poi sono incazzato anch'io.
  • CUOCHI: certo ora sono davvero tantissimi e insegnano anche una marea di porcate, ma ecco, almeno si impara qualcosa.
  • GIORNALISTI D'INCHIESTA: un mestiere a rischio per diffondere la verità.
  • COMICI: quelli che fanno il proprio mestiere vanno a gusto, ma quelli che credono di fare politica sono un pericolo per la stabilità sociale.
  • GIORNALISTI DI CRONACA: a parte chi conserva l'etica professionale, sembrano iene in attesa di cadaveri da spolpare.
  • VENDITORI DI CONTRATTI PORTA A PORTA: vampiri che chiedono, secondo tradizione, "Lasciami entrare..."
  • ESPERTI: fraintendendo il motto del grande chef Gustò, gli Italiani credono che "Chiunque può essere esperto di qualcosa". Opinionisti, noiristi improvvisati criminologi, comici reinventati politici, attori fuori servizio riscoperti profondi sommozzatori dell'animo umano...
  • LEONKAVALLO: un centro sociale con buttafuori da locale, orari da locale, risposte da locale, prezzi da locale che spintona e pesta i propri avventori, meriterebbe perlomeno una tassazione e dei controlli da locale.
  • MANIFESTANTI: è molto giusto che un popolo possa manifestare le proprie idee in piazza: sarebbe bello anche ne avesse, di idee, le conoscesse, e le comunicasse in forma di proposta a chi l'osserva, oltre a mostrare pittorescamente slogan dogmatici e frecciate esilaranti, pur con un vasto fondo di verità, sul proprio avversario politico. Ovvero, chi muove i manifestanti vuole FARE qualcosa e sa cosa, o vuole solo che gli si ceda il posto?
  • INTELLETTUALI: soprattutto qui, nella Metropoli Stanca, esiste un manipolo di illuminati intellettuali (autodefiniti), paladini della cultura, che alternando un mantra composto dai soliti nomi, fanno sì che fingendo una impegnativa ascesa della cosiddetta cultura, impantanano il mondo delle idee e lo annegano schiacciandogli la testa sotto il fango.

- IN COMPILAZIONE -

ATTENZIONE: Post citazionista da maneggiare con le pinze e leggere tra le righe.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook