Chi parla male
25 Ottobre Ott 2011 1340 25 ottobre 2011

C'è chi dice no o quanto meno nel suo piccolo s'incazza (questa è una tecnica per titolare facile)

Alberico Giostra è un cronista cui nessuno riesce a metter casacche: né centro, destra né sinistra. Un pericolo, in Italia.
E un pericolo con un microfono (lavora a radio Rai) si può permettere di pubblicare sul suo profilo facebook una serie di "correzioni" (subite) alle news da mandare on air. «Dal diario di un censurato - scrive -. Stavolta anzichè il fioretto hanno usato la sciabola. La notizia è stata stravolta e fatta terminare al punto ritenuto giusto».

È dannatamente pericoloso, uno così.

Perché? Perché in Rai funzionano ben altri equilibri. Leggete le intercettazioni del faccendiere Lavitola e l'ex direttore della Rai Mauro Masi, pubblicate da Repubblica:

IN CAMPANIA SI VOTA

Lavitola. "Senti, questo ... che mi dicono ti risponda militarmente?".
Masi "Il Tgr? ...?".
L. "Sì, in Campania tutti sostanzialmente, da Bocchino a me, Forza Italia eccetera sostengono come direttore del Tg3 Campania ..., uno che sta lì da una vita, fai conto che è il mio compagno di scuola per intenderci".
M. "Io non ho proprio la più pallida idea di chi sia".
L. "E lo so, dico se io ti mando il curriculum?".
M. "Eh, vediamo quello che si può fare".
L. "Cosa faccio, te lo mando o te lo porto il curriculum? Te lo posso portà lui?".
M. "Mò vediamo, un giorno in cui è possibile".
L. "Tieni presente che per la Campania è importantissimo ci sono le elezioni...".

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook