Nel mirino
23 Novembre Nov 2011 1702 23 novembre 2011

Edward Steichen in mostra a Milano

Gloria Swanson, 1924

A Milano in Corso Como 10, fino al 12 febbraio potete vedere la mostra fotografica Edward Steichen: gli anni Condé Nast


Edward Steichen ( 1879- 1973) è stato uno dei primi e più importanti fotografi di moda di tutti i tempi.

Il suo stile, frutto di una tecnica particolarmente elaborata - sfumati, ritocchi e manipolazioni - ha transitato dal pittorialismo fino alla straight photography influenzando generazioni di fotografi e cambiando per sempre il modo di comunicare la moda.

Per Alexander Liberman, illuminato direttore artistico di Vogue dal 1941 la chiave della fotografia “moderna” di moda è iscritta in una foto di Steichen del 1927 che ritrae Marion Morehouse sorridente.

Mentre la maggior parte delle riviste dell'epoca (ma forse anche oggi è così) si limitavano a illustrare i vestiti come dei cataloghi è proprio grazie ad artisti come Steichen, direttori artistici come Alexander Liberman, e riviste come Vogue che la fotografia di moda supera un' estetica puramente descrittiva, e le immagini diventano sogno, arte.

Edward Steichen era in origine pittore. Leggenda vuole che nel 1923, a suggello del suo definitivo transito alla fotografia l'artista bruci tutti i suoi quadri.

Marion Morehouse, 1926

Steichen, capofotografo di Vogue dal 1922 al 1938, non ha mai avuto paura di sperimentare, spingendo i limiti tecnici della fotografia stessa, sarà il primo a pubblicare una fotografia di moda a colori.

Per farvi un'idea del suo genio sono oltre 100 le sue stampe originali in mostra in Corso Como 10, tutte provenienti dagli archivi Condé Nast di New York.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook