Il picchio parlante
23 Novembre Nov 2011 0954 23 novembre 2011

La Cassazione assolve la polizia per i fatti della scuola Diaz

La Corte di Cassazione ha annullato senza rinvio la sentenza della Corte d’Appello di Genova del 17 giugno 2010 che aveva condannato Gianni De Gennaro, capo della polizia all'epoca dei fatti, a un anno e quattro mesi di reclusione e Spartaco Mortola, capo della Digos di Genova, a un anno e due mesi; assolti perchè "il fatto non sussiste". I due scontavano -prima di ieri- una sentenza di condanna per aver indotto l'ex questore di Genova, Francesco Colucci, a fornire falsa testimonianza sulla massacrante irruzione delle forze dell'ordine nella scuola Diaz, cercando di far passare il messaggio di un bassissimo coinvolgimento da parte del questore nell'organizzazione delle operazioni.

L'avvocato di parte civile Laura Tartarini ha bollato la scelta della Cassazione come "surreale", ma ancor più significativo è stato il commento del collega Emanuele Tambuscio “E’ inopportuno che si arrivi a un processo, all'ultimo grado di giudizio, con funzionari di alto grado ancora in carica. Avrebbero dovuto essere sospesi”. Eh si, avrebbero...

Recentemente hanno trovato spazio sul blog di Beppe Grillo, una lettera che il comico ha inviato all'attuale capo della polizia, Antonio Manganelli e la risposta che quest'ultimo ha rivolto sul blog stesso. Ebbene, si fa espressa menzione di come alcuni funzionari e dirigenti di polizia siano avanzati di grado nonostante si fossero macchiati di crimini e pestaggi, ma è la legge che non permette sospensioni fino a quando non arriva il giudizio della Cassazione ; questo il sacrosanto diritto di difesa cui fa riferimento il dottor Manganelli.

La solita cantilena cantata più volte anche dal politico di turno, che attende il giudizio della magistratura salvo poi "abbracciare" felicemente il sopraggiungere della prescrizione. In attesa che si concludano altri processi relativi ai fatti del G8 di Genova, stiamo ancora cercando di capire chi ha autorizzato il verificarsi degli scempi presenti nei filmati che seguono.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook