Marta che guarda
5 Dicembre Dic 2011 1030 05 dicembre 2011

Miracolo a Le Havre, di Aki Kaurismaki

È che ogni tanto fa bene provare tenerezza,
sorridere, sperare.
Ogni tanto fa bene anche da grandi ascoltare una fiaba,
pensare che la maggioranza delle persone può e sa rivelarsi generosa,
che gli amici ti aiutano e che talvolta lo fanno anche gli estranei.
Ogni tanto ci vuole un’iniezione di fiducia,
una presa di distanza dal cinismo dilagante e che fa figo,
ogni tanto è bello guardare sul grande schermo visi non belli ma ricchi di vissuto e di storia e quindi bellissimi,
visi che non odorano di plastica.
Ogni tanto si ha bisogno di sapere che vincono i buoni,
che i cattivi non sono sempre dove te li aspetti,
che se non ti volti dall’altra parte di fronte a chi sta male sarai ripagato dalla vita e il bene compiuto ti ritornerà indietro.
Ogni tanto è bello credere nei miracoli,
anche se di solito non avvengono nel tuo quartiere.
Ecco perché “Miracolo a Le Havre”, il film girato da uno dei più stravaganti registi in circolazione, è un film che bisogna vedere.
Per vivere un’ora in stato di grazia,
per sfrugugliare la parte di te che ha ancora voglia di credere che non tutto è perduto,
che se esiste qualcosa di prezioso al mondo può capitare che diventi tuo anche se ti sembra di non meritarlo,
anche se parti svantaggiato,
anche se vieni da lontano.


 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook