Gesellschaft
8 Dicembre Dic 2011 1127 08 dicembre 2011

La buona comunicazione del Partito Democratico: #comizidiclasse

Da una idea di Francesco Nicodemo, il 17 dicembre presso Villa Bruno a S. Giorgio a Cremano il Partito Democratico di Napoli ha organizzato la Prima giornata di Comunicazione Politica "Comizi di Classe - Tecnologie per la Comunicazione Politica".
Fin qua tutto normale, se non fosse per la originale campagna di comunicazione che fa da cornice all'evento:

Berlinguer armato di iPhone che cinguetta su twitter, De Gasperi che commenta con il suo iPad sul sito del PD, Nilde Iotti che manda una email con oggetto #comizidiclasse.
Un viral video che in poche ore è stato notevolmente condiviso sui diversi Social Network e che dà - finalmente - una ventata di novità alla comunicazione politica del Pd, e non solo quello campano.
Il video è stato accompagnato anche da una campagna offline fatta di manifesti, adesivi e fermalibri:

Qulacuno ha urlato "sacrilegio", in quanto Berlinguer non può essere trattato come una icona Pop. Ma l'effetto singificativo della campagna di comunicazione è proprio nella sua dirompenza.

L'uso strumentale dell'anacronismo, l'adattamento al contesto contemporaneo attraverso una rivistazione storica - come direbbe il prof. Mazzoleni - della politica in chiave Pop, il rimando tecnologico al nuovo modo di comunicare fa della campagna di comunicazione del Pd di Napoli (prodotta dall'agenzia di comunicazione Adversa) una della più originali e innovative in circolazione.
Al punto che se ne accorto anche Pippo Civati linkando il video sul suo blog e facendo i complimenti al Pd di Napoli.
Se questi sono i presupposti dell'incontro che si terrà il 17 dicembre, credo proprio che valga la pena seguire con attenzione i lavori della Prima giornata di Comunciazione Politica - Comizi di Classe.

L'hashtag per seguire l'evento: #comizidiclasse

La fanpage su Facebook: qui

L'account twitter: qui

Il programma dell'evento e la mappa per arrivare a Villa Bruni : qui

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook