Parsifal
9 Dicembre Dic 2011 2236 09 dicembre 2011

Ci vorrebbe lo stile di Peppino Prisco...

"Sono sempre incondizionatamente a favore degli "àrbitri" e sempre e comunque contro gli "arbìtri". Come in tutte le cose della vita in fondo la verità è solo questione di un accento"... Così si concludeva la intervista-biografia che questo cronista aveva scritto con Peppino Prisco, per mezzo secolo numero 2 dell'Inter, scomparso giusto dieci anni fa. Amatissimo dagli interisti ma rispettato da tutti gli altri e semmai invidiato all'Inter dai tifosi di tutte le altre squadre, che pure a denti stretti ammiravano la vena di arguta ironia, di elegante polemica che aiutava a sdrammatizzare divertendo le chiacchere in tv sul calcio, (metafora della vita e della politica) strappando a chiunque il piacere di un sorriso.

Perchè Prisco, di una intelligenza lucida e fredda in tribunale, si trasformava sugli spalti in un fazioso viscerale, posseduto dai furori di un tifo senza confini. "Ma guarda che siamo tutti così - confessava - . Se non trovi l’ambito della trasgressione, quello nel quale puoi dar sfogo alla carica di emozionalità e magari di frustrazione che ti porti dentro, poi non ritrovi la calma e la lucidità per far bene il tuo lavoro e trattare un po’ meglio le persone che ti stanno intorno e che ti vogliono bene…”. Una lezione di vita applicata coerentemente dal dopoguerra in una Milano che forse sente ancora il vuoto della sua assenza. Perchè, oltre all'Inter, era sempre rieletto a presidente dell'Ordine degli Avvocati e insieme legatissimo ai "suoi" alpini, con cui aveva condiviso, da ufficiale della Julia, la dolorosa epopea della ritirata di Russia.

Nel dibattito pubblico , e non solo intorno al calcio, forse manca tutt'ora uno stile così, capace per intelligenza e seguito popolare a rendere impossibile essere odiato dagli avversari più schierati e tenaci. Servirebbe anche alla politica: non a caso sconsigliò affettuosamente la "discesa in campo" del patron del Milan . "In politica il rossonero - diceva - è un ossimoro cromatico. E poi per Berlusconi fare politica è come scoprire l'amore dopo i cinquant'anni: può dare sensazioni impagabili ma anche portare alla perdizione...".

In molti non lo dimenticano: oggi alle 17 di sabato 10 dicembre (che sarebbe il suo 90 compleanno) gli faranno festa gli alpini alla Scuola Militare Teulliè di Corso Italia a Milano, con gli interisti, gli avvocati, i giornalisti. E con un volume, curato per la Ex-Cogita dai colleghi Marco Pedrazzini e Federico Jaselli Meazza, che raccoglie una messe di inediti e contributi sull'avvocato, compresa la testimonianza di Xavier Zanetti, capitano di un' Inter che ritrova nella storia la voluttà di soffrire.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook