David Bidussa
Storia Minima
13 Dicembre Dic 2011 2202 13 dicembre 2011

E' importante dire i nomi. Amb, Diop, Sougou, Mbenghe, Moustapha erano e sono persone

“ e io darò nella mia casa e nelle mie mura forza e rinomanza, meglio di figli e di figlie; darò a ciascuno una rinomanza eterna (un memoriale e un nome) che non perirà” (Isaia, Cap. 56, verso 5)
Amb Modou 40 anni e Diop Mor 54 anni sono morti oggi a Firenze uccisi dall’odio, dalla rabbia di chi si sente in diritto di disporre della vita altrui in nome della propria.
Con loro sono stati feriti Moustapha Dieng, 34 anni, Sougou Mor 32 anni, e Mbenghe Cheike, 42 anni. Tutti colpiti da Gianluca Casseri, che poi si è tolto la vita.
Gran parte deli notiziari continuano in queste ore a parlare di due senegalesi uccisi e altri feriti.
Altri, anche in nome della solidarietà, parlano di “due fratelli uccisi”.

Nessuna di queste due procedure mi piace e non le trovo né condivisibili, né accettabili.

Certo nessuno usa termini ambigui, ma è importante ripetere i loro nomi, fissarli nella memoria.


E’ importante dare alle persone un nome. Dare un nome significa riconoscere loro non solo il diritto al ricordo, ma anche che hanno avuto una vita, che questa per quanto stentata, difficile, forse anche malinconica era fatta di scelte, di storie, di amori, di rinunce, di tristezze. In breve di emozioni, di sensazioni, di ricordi, di relazioni.


Se si afferma il principio quantitiativo del numero, anziché imporsi il criterio del nome, allora il primo passaggio verso la svalutazione della vita degli altri è già compiuto e il viaggio verso l’indifferenza è già iniziato.

Molti forse ritengono che sia importante indignarsi e che nominare sia un atto di scarso valore, comunque secondario.

Il nome può apparire un dettaglio, ma concretamente nominare una persona significa conferire persionalità e chiedersi quale sia la sua storia.
Amb Modou e Diop Mor sono morti oggi a Firenze. Moustapha Dieng, Sougou Mor, e Mbenghe Cheike sono stati feriti.
Non sono dei nomi facili da scrivere. E sicuramente io ho fatto molti errori ortografici scrivendoli. Ancora meno lo sono da ricordare. Non importa.

Ricordare non è un atto gratuito. Implica uno sforzo e richiede una decisione. Certamente indica una consapevolezza.
Quei nomi sono certamente più difficili e suonano meno famigliari di “Gianluca”. Ma è importante fissarli nella memoria. E, soprattutto, sforzarsi di farlo.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook