L’Altro Cinema
23 Dicembre Dic 2011 1909 23 dicembre 2011

Oltre la linea notte

Il treno come simbolo di un’Italia unita dai vagoni che trasportavano anche di notte, da nord a sud e da sud a nord, centinaia di italiani costretti a viaggiare sui binari per andare a lavorare o tornare a casa. Ora che alcuni di questi viaggi notturni a lunga percorrenza sono stati soppressi, sarà più difficile spostarsi attraverso l’Italia dalla notte al giorno su una sola carrozza, senza il fastidio di dover cambiare treno rischiando di perderlo in caso di ritardo. Il futuro che avanza, anche grazie all'alta velocità, ha il sapore dolceamaro di un passato che il cinema ha la forza di rievocare in tutta la sua umile dignità.

«Tre volte ho attraversato la linea di confine, la prima volta di frodo, con l'aiuto di un contrabbandiere, in qualche modo, almeno una volta legittimamente, sicuramente sono stato uno dei rarissimi che sono tornati di spontanea volontà al punto di partenza». (Le passage de la ligne, Georges Simenon)

Guardate Il passaggio della linea, documentario diretto nel 2007 da Pietro Marcello, un viaggio a bordo dei treni notturni che attraversano la penisola da Palermo a Torino, da Venezia a Siracusa, da Milano ad Agrigento. Voci e dialetti diversi che ci raccontano storie di fatica e rassegnazione, di resistenza e speranza. Il treno come simbolo di un’Italia che guarda avanti, verso un futuro ad alta velocità che non tutti però possono permettersi.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook