L’Altro Cinema
10 Gennaio Gen 2012 1621 10 gennaio 2012

“Tutti in giro in mutande”: il movimento è globale e cerca fondi per un documentario

Domenica scorsa, 8 gennaio, avete visto qualche cuor di leone pronto a sfidare il primo freddo invernale entrando in metro letteralmente in mutande? In Italia, se vi trovavate a Milano o a Torino, magari ne avete visti più di uno. Sapete a chi dare la colpa?

Ai quei simpatici ragazzacci di Improv Everywhere, un collettivo di New York, fondato nell’agosto 2001 da Charlie Todd, specializzato nell'organizzazione di flash mob davvero simpatici e inaspettati. E il No Pants Subway Ride 2012 (viaggio in metro senza pantaloni che ha coinvolto 59 città in 27 nazioni) ne è stato un piccolo, grande esempio.

Il regista Matt Adams sta cercando di realizzare un documentario sull’impatto globale avuto da questo movimento che da New York ha ispirato il resto del mondo a ritmo di flash mob capaci di strapparci più di un sorriso. Per farlo è stata lanciata una campagna di donazioni online al fine di raccogliere almeno 125 mila dollari per la realizzazione del film. C’è tempo fino al prossimo 20 gennaio per contribuire. Se il progetto andrà in porto, il documentario verrà proiettato nel marzo 2013. Ad ora c’è solo un teaser del film. Buona visione.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook