Cosa succede fuori?
16 Gennaio Gen 2012 1025 16 gennaio 2012

L’isola che fa scelte sbagliate ?

Errare è umano ma perseverare è diabolico, non i cubani sono di questa opinione ; tutto iniziò quando Batista fece diventare l’isola di cuba una roccaforte americana di gioco d’azzardo e prostituzione , il tutto contornato dalla mafia, trasformando l’isola da paradiso a inferno.
Cosi gruppi armati si rivoltarono a Batista, prima senza successo ,poi 8 gennaio 1959 le colonne ribelli capeggiate dall’avocato Fidel Castro e dal medico Ernesto Che Guevara entrarono all’Havana, cosi battista fù costretto a fuggire e si pensa che sia stato aiutato dagli americani .
Fidel Castro si insediò subito e la sua politica naif – come la descrisse Nixon – risultò da subito più vicina ai russi bolscevichi che agli americani capitalistici .
Qui arrivò la prima scelta sbagliata , quando febbraio 1960, Cuba firmò un accordo per l'acquisto di petrolio dall'URSS , facendo ciò, gli stati uniti interruppero ogni tipologia di relazioni dato che avevano le raffinerie nell’isola .
Allora il premier sovietico Nikita Khruščёv inizio a dare aiuti economici e militari a Cuba .
Ciò portò allo spettacolare e fallimentare sbarco a sud de L'Avana, nella Baia dei Porci organizzato dalla CIA nel 1961.
Poi un’altra scelta sbagliata -ma dopo la baia dei porci cuba voleva essere più pericolosa- fu’ dare il consenso alla URSS di installare missili atomici a lungo raggio nella regione , questa scelta porto a una crisi di grandissime dimensioni, arrivndo a sfiorare una guerra nucleare , ma l’allora presidente degli stati uniti John Kennedy riuscì a evitare il peggio, e, i missili furono smantellati e riportati in Russia , John Kennedy usò la via diplomatica.. questa è storia il continuo lo sapete.
In questi giorni cuba, ha fatto riparlare di se , un'altra volta come "stato canaglia", infatti il presidente iraniano Ahmadinejad – colui che ora è la URSS in quanto sta sviluppando un programma nucleare non autorizzato- ha fatto visita cuba .

Dove ha parlato con il premiere Raul Castro – Fidel castro non è più il leader di cuba è andato in pensione l’anno scorso - per difendere l’uso del nucleare pacifico e ratificando «l’impegno di entrambi i paesi alla difesa della pace, il diritto internazionale e i principi della carta dell’Onu, e il diritto di tutti gli stati all’uso pacifico del nucleare».


Ma Ahmadinejad ha parlato anche all’università dove ha asserito: “Il capitalismo è in una strada senza uscita in diversi fronti, nella politica, l’economia e la cultura e quando è a corto di logica, ricorre alle armi per uccidere e distruggere. Oggi l’unica cosa che è rimasta al sistema capitalistico è quella di uccidere.”
Insomma , siamo vicini a una nuova guerra nel medio oriente – proprio contro l’Iran e cuba colei che dista 60 miglie nautiche forse ha preso un’altra decisione sbagliata , ma questo odio per gli Stati Uniti da parte dell’isola comunista che c’era si sapeva quindi non c’è da stupirsi su le scelte di alleanze.
D’altra parte la storia è ciclica …….

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook