Dischaunt
21 Gennaio Gen 2012 1200 21 gennaio 2012

Un'arte tira l'altra: da Dylan a McCartney, ecco i musicisti pittori

Musica e pittura. C'è un fil rouge che unisce queste due arti, apparentemente così diverse tra loro? Sembra proprio di sì, almeno a giudicare dal gran numero di musicisti che si sono cimentati, durante la loro carriera, con pennello, tavolozza e cavalletto. "La pittura trasforma lo spazio in tempo, la musica il tempo in spazio" diceva lo scrittore austriaco Hugo von Hofmannsthal. Aveva ragione: dipingere e suonare sono due modi di espressione talmente distanti che, ad un certo punto, diventano complementari, quasi fossero lo yin e lo yang di una stessa unità.

Qualche esempio? Tra i musicisti-pittori ci sono alcuni "insospettabili". Bob Dylan, che predilige colori accesi e tratti decisi e ha presentato la sua prima personale proprio in Italia, a Torino. Ron Wood degli Stones, che ama ritrarre i compagni di palco Jagger e Richards. O Marilyn Manson che, nella tranquillità della sua abitazione, si dedica ad un ben poco satanico acquarello. E ancora David Bowie, Grace Slick, John Mellencamp, Syd Barrett, Joni Mitchell, Tim Armstrong e altri ancora. Tutti, quando finiscono di suonare, prendono in mano il pennello. Con un'eccezione: Joseph Arthur, cantautore di Akron, Ohio, che realizza i suoi quadri direttamente sul palco, mentre canta e suona.

Bob Dylan

David Bowie

Ronnie Wood (Rolling Stones)

Marilyn Manson

Joseph Arthur

Grace Slick (Jefferson Airplane)

Dee Dee Ramone (The Ramones)

John Lennon

Tim Armstrong (Rancid)

Paul Mc Cartney

Paul Stanley (Kiss)

John Mellencamp

Paul Simonon (The Clash)

Roger "Syd" Barrett

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook