Il picchio parlante
7 Febbraio Feb 2012 1032 07 febbraio 2012

Buon "Profumo", ma che non sia solo aria

Per coloro che hanno a cuore gli interessi della rete, le parole del ministro Profumo di ieri hanno assunto i contorni di una pietanza squisita. Internet è stata paragonata all'automobile degli anni '50, ovvero uno strumento con le potenzialità di far ripartire l'economia del Paese." Allora si intuiva che con l'automobile sarebbe cambiato il modo di vivere e la forma stessa delle nostre città. Ed è quello che avvenne(...) Quel ruolo oggi ce l'ha Internet che non è un sistema di cavi e computer ma una cosa che cambia le nostre vite, le relazioni fra i cittadini, la Pubblica Amministrazione". Ecco l'espressione del ministro dell'Istruzione e dell'Università rilasciata a Riccardo Luna, un giornalista che di innovazione potrebbe dare lezioni a molti.

Quel che è più significativo, oltre all'eccellente paragone, è l'annuncio che l'agenda digitale italiana sembra davvero essere ai nastri di partenza. Per giovedì 9 febbraio è attesa la "cabina di regia" per discutere di banda larga e di innovazione per le piccole e medie imprese. La grande sfida che si pone il ministero di Profumo è quella di creare della smart communities, ovvero delle strutture (aziende) che attraverso il largo utilizzo di tecnologie riescano a creare nuovi distretti industriali e di conseguenza valore aggiunto per il Paese; quindi, anche-e soprattutto- lavoro. Anche qui, un passo in avanti, rispetto alle "brutte uscite" di Monti, Fornero e Cancelleri, che hanno bollato l'agognato "posto fisso" come monotono, e "mammoni" coloro che non sono disposti a sacrifici(sempre secondo le loro opinioni). Almeno in questo campo, si cerca di dare risposte con le azioni, e non con squallide battute spocchiose.

Certamente dopo questa fase di esordio, ci sarà da lavorare anche di più. Innanzitutto perchè discutere di banda larga equivale a provvedere al più presto di colmare il digital divide, specialmente nelle zone rurali. In Italia sono circa 2,5 milioni di persone che non hanno un dignitoso accesso alla rete. Dopodichè, è ugualmente necessario un balzo culturale dei cittadini italiani, un'alfabetizzazione in senso digitale, perchè sono ancora in tanti (le stime parlano del 35% della popolazione) a snobbare l'utilizzo del web e le potenzialità insite nel mezzo. Occorre allora incentivare l'utilizzo della rete per poter interagire con la pubblica amministrazione, partendo magari dalla scuola, dove i giovani alunni potrebbero insegnare "le buone maniere" a quei parenti che ancora non hanno sufficiente dimistichezza con Internet.

Gli studi di analisti del settore continuano a rammentarci che la webeconomy, messa in condizione di esprimersi al massimo della potenza, potrebbe generare miliardi e miliardi di euro di profitto, tra semplificazioni, creatività, competitività e incentivi all'e-commerce, e-learning ed e-Government. L'auspicio è che le parole del ministro Francesco Profumo, non siano destinate a restare sulla carta, come gli annunci propagandistici dei precedenti ministri dell'Innovazione, ma che sia davvero la volta buona per dotare l'Italia di un progetto digitale concreto.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook