Fuoriserie
16 Febbraio Feb 2012 1228 16 febbraio 2012

Sanremo non si svecchia con Belen smutandata e con i Soliti Idioti

Sanremo è vecchio. Lo dicono tutti. Canzoni in perfetto stile musica leggera all'Italiana, fatte poche eccezioni. Presentatori ormai demodè (no, ma davvero Gianni Morandi?). Ospiti (si legga Celentano) pronti a fare scandalo, perché tutto si fa per alzare l'audience di un festival che ogni anno sembra andare peggio di quello precedente.

E intanto della serata di ieri due cose si ricordano: Belen smutandata e i Soliti idioti che se possibile hanno dato mostra del peggio delle loro performance.

Sulla Rodriguez c'è poco da dire: ennesima dimostrazione che la classe, ahinoi, non è cosa da tutti. Lo spacco vaginale, il tatuaggio misterioso e quei continui saltelli stringendosi le tette parlano davvero da sé.

Per quanto riguarda Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio li abbiamo visti nei panni non tanto di Gianluca e Ruggero (che hanno fatto, a mio avviso inspiegabilmente, faville ai botteghini con il film tratto dalla omonima serie TV, I soliti idioti) quanto piuttosto nei panni di due stereotipati e tristissimi gay. Una serie di luoghi comuni e un'interpretazione isterica e ridicola che non ha giovato a nessuno. Forse sarò io non in grado di leggere la critica sociale, la macchietta che i due conduttori di Mtv inscenano, ma davvero la loro satira mi sembra più povera e semplice di quella nascosta (moooolto in fondo) nei Cinepanettoni.

Non è con Belen mezza gnuda né tanto meno con le performance Briggio&Mandelli che si può svecchiare il Festival. Se questo è il meglio che il 2012 sa offrire, beh, come hanno detto ironicamente più persone su Twitter durante la diretta di ieri, c'è quasi da rimpiangere Povia. Ed è tutto dire.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook