Marta che guarda
20 Febbraio Feb 2012 1412 20 febbraio 2012

Mr. Toilet, di Jessica Yu

I bambini amano molto la cacca.
Ai bambini la cacca mette una grande allegria, ridono come matti solo a sentirla nominare, se la rimirano con grande fierezza e capita spesso che ti chiamino dopo che l'hanno fatta per condividere con te l'orgoglio per la loro opera.
Anche Mister Toilet qui sotto sembra molto contento di occuparsi della cacca. Ha quella luminosità che appartiene solo alle persone soddisfatte di sé. E si vede che, come un bambino, è fiero di condividere con gli altri il suo progetto.
Che ruota, appunto, intorno alla cacca, ma ha come scopo il benessere dell'umanità. Il miglioramento delle condizioni igieniche, e di vita, di miliardi di persone.
E se all'inizio Mr Toilet ti fa ridere, alla fine capisci che ha ragione lui.
Capisci che tra tanti lavori fighi - l'architetto, il giornalista, il pubblicitario, lo stilista, il cantante etc etc. -, di quelli che ti portano ammirazione e invidie, di quelli che poi vai in giro compiaciuto del tuo fascino, delle tue donne, dei tuoi successi, il suo, quello di mister Toilet, è il più figo di tutti.
Perché credo che niente ti faccia sentire altrettanto felice come credere in un progetto socialmente utile e lavorare per realizzarlo. Niente ti può fare sentire meglio che provare a salvare la vita di miliardi di bambini. E io quel sorriso luminoso di mister Toilet e il suo humor sottile, oggi, li invidio un po'.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook