Cosa succede fuori?
20 Febbraio Feb 2012 1222 20 febbraio 2012

Nuova strategia di raccolta fondi per i talebani

La globalizzazione ormai è presente anche nella malavita sia in quella di stampo mafioso che organizzato e terroristico, infatti anche i talebani – che ormai sono quasi rimasti senza risorse economiche, dopo i colpi inferti da parte degli Stati Uniti alla rete terroristica – si sono adeguati ai tempi, incrementando in alcune zone dell'Africa e dell'Asia i sequestri di persone facoltose e importanti.
Modus operandi che somiglia un po' a quello della malavita organizzata del Messico e un po' al racket mafioso di stampo italiano.
Due le nazioni più colpite il Pakistan e l'india , nazioni dove il divario tra ricco e povero è assai elevato .
Ma ad essere interessata è anche un'altra regione quella sub sahariana , anche se qui preferiscono rapire gli stranieri e sono peggio organizzati .
La nazione più colpita è quella del Pakistan, dove i talebani hanno avviato una campagna di rapimenti impressionante – numeri cosi si ritrovano in Messico - e che non risparmia nessuno , infatti le vittime predilette sono: ricchi industriali, accademici, operatori umanitari occidentali e parenti degli ufficiali militari.


La detenzione dura molto di più che in altre regione ,il soggetto viene messo in celle anguste e molte volte barbaramente picchiato, però in alcuni casi può utilizzare il suo PC e può fare attività fisica .
I metodi del rapimento sono sofisticati: la persone vengono seguite per giorni , settimane e mesi poi vengono prelevate da un gruppo armato durante la notte o mentre sono in macchina o dai posti dove lavorano.


Ormai in Pakistan è un problema molto serio, per i personaggi di spicco o gli industriali , ecco perché alcuni richiedo scorte di sicurezza allo stato , che però quest'ultimo potrebbe essere coinvolto , perciò la maggior parte si affida a ditte di sicurezza estere .


Ditte di PMC che stanno incrementando i clienti e i ricavati da queste regioni , infatti la cifra che richiedo è un decimo di quella che i parenti dei sequestrati dovrebbero sborsare in caso di rapimento.
Intanto il pentagono è molto preoccupato di questa situazione e non sa bene come agire , dato che da una stima del 2011 “le casse del terrorismo” si sarebbero incrementate soprattutto grazie ai rapimenti , soldi che servirebbero per creare nuovi attentati e armare le milizie terroristiche.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook