Accadde Domani
22 Febbraio Feb 2012 1114 22 febbraio 2012

Perchè Mario Monti non propone una legge sul conflitto d'interessi?

Il presidente del consiglio potrebbe iniziare con il buon esempio e fare come hanno fatto Mario Draghi e Corrado Passera. Il primo, quando diventò governatore della Banca d'Italia, senza che nessuno glielo chiedesse affidò il suo pacchetto azionario in Goldnam Sachs a un blind trust, mostrando un certo stile nella gestione della cosa pubblica. Il secondo, ovvero l'attuale ministro delle sviluppo e delle infrastrutture, ha fatto sapere ai media che è andato oltre, vendendo tutto o quasi tutto sul mercato. Un gesto volontario ma di significato politico, perchè come scrive il Fatto Quotidiano, indica che Passera ha intenzione di continuare la carriera politica. Mario Monti, dovrebbe o potrebbe fare la stessa cosa. La sua operazione trasparenza con la pubblicazio e dei redditi dei ministri è apprezzabile e dà un certo smalto alla credibilità del governo ma se Mario Monti affidasse quegli 11 milioni di investimenti a un blind trust, come fece Mario Draghi, farebbe una bella figura dopo la scorpacciata di conflitti d'interesse dei governi Berlusconi. Tuttavia questi gesti esemplari non bastano più a frenare quello che Guido Rossi con una definizione suggestiva definì conflitto epidemico. Perchè di questo si tratta. Il conflitto d'interesse è ormai esteso a tutti i campi della società, dalla politica all'economia alla finanza e alla giustizia. Basti pensare agli avvocati di Silvio Berlusconi che difendono il premier nei tribunali e al tempo stesso fanno le leggi in parlamento per proteggere il loro capo. Oppure, se si vuole restare nell'attualità basta pensare alle società di rating controllate dalle più importanti banche d'investimento o ad alcune imprese Italiane dove vi sono incarichi societari in aperto conflitto tra controllate e controllanti. Insomma, una vera legge sul conflitto d'interesse sarebbe ormai tempo di farla sul serio e il governo Monti avrebbe a questo punto le carte in regola per proporla, nessuno lo potrebbe accusare di voler essere punitivo verso Silvio Berlusconi. Una legge di civiltà. E allora perchè non la si fa? I più maliziosi sostengono che Mario Monti teme di irritare il capo del Pdl ma se così fosse non sarebbe una giustificazione difendibile.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook