Fatti di Scienza
28 Febbraio Feb 2012 1559 28 febbraio 2012

Lavagne interattive alle scuole: “Pagano i fondi europei”. La truffa smascherata sul sito del Ministero

I fondi strutturali europei fanno gola a molti. Tanto da solleticare anche l'appetito dei venditori di lavagne interattive e materiali didattici.

Un avviso sul sito del Ministero dell'Istruzione, pubblicato a inizio febbraio, evidenzia la segnalazione da più parti dell'attività di sedicenti fornitori che consegnano alle scuole lavagne interattive e strumenti didattici che sarebbero coperti dai fondi europei con tanto di autorizzazione ministeriale. Una truffa vera e propria. Tanto che il MIUR ci tiene a ribadire che le procedure per la richiesta dei fondi per l'acquisto di questi materiali sono sempre le stesse, ossia quelle già specificate su una circolare di aprile 2011 e un'altra circolare di novembre 2011, disponibili anche sul sito MIUR.

I fondi europei cui si fa riferimento sono quelli che rientrano nel cosiddetto PON, programma operativo nazionale 2007-13, e che servono a finanziare una serie di azioni nelle quattro regioni obiettivo convergenza, e cioè in Sicilia, Calabria, Campania e Puglia.

Tra le azioni previste anche molti progetti di aggiornamento degli ambienti di apprendimento, incluso l'acquisto di lavagne e altri strumenti, per promuovere una transizione più rapida ed efficace verso una scuola digitale in linea con gli obiettivi di Lisbona.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook