Viva l’Italia
29 Febbraio Feb 2012 1356 29 febbraio 2012

L’uovo ora è spray, siamo ridotti male

Stanno commercializzando l’uovo in versione spray. La notizia deve avermi scioccata perché ho fatto un sogno inquietante la scorsa notte, sovrapponevo uova solide e liquide, frittate bruciate, trasporti cinesi e strani incontri del passato… meglio se ve lo risparmio.


L’ultima trovata del mercato si chiama Eggy, il nome è carino tuttavia il prodotto destabilizza. Ero abituata ad associare alla bomboletta spray i deodoranti e le lacche per capelli, le vernici, al massimo la panna montata, ma l’uovo proprio no. Forse devo rassegnarmi, i tempi cambiano.

L’azienda che l’ha ideato parla di una rivoluzione in cucina e definisce il preparato una “mousse subito pronta, per frittate, uova strapazzate, crêpes e impanature”. Piccolo particolare: dopo l’apertura “può rimanere fuori dal frigorifero fino a 6 mesi”, a fronte di quello naturale che è altamente deperibile. Mi sono ricordata del mio amico Marco che per vendicarsi di una sua coinquilina aveva piazzato alcune uova sulla parte alta dell’armadio, secondo lui sarebbe impazzita per la puzza appena la natura avrebbe fatto il suo decorso. Non ho idea di come sia andata a finire la faccenda, ma ho avuto nostalgia di questa ripicca diabolica, a base di uova naturali.


Il contenitore spray , decisamente impattante a livello ambientale, è facile da usare, basta agitarlo prima dell’uso e il gioco è fatto. Ah dimenticavo, le galline sono quelle tradizionali allevate a terra (leggi in capannoni chiusi senza accesso all’esterno, con un massimo di 12 galline per metro quadro).

Va bene tutto, ma possibile che nella fretta dei tempi moderni non si trovino 5 minuti per aprire e sbattere un paio di uova, così come le ha create Madre Natura, per fare una frittata? Possibile che debbano propinarci uova liofilizzate e infilate in una sorta di bomboletta spray, versione mangereccia, per averle pronte all’uso?
Adesso non resta che iniziare a dire ”Non sai cucinare neppure un uovo spray”...

W l'Italia

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook