10% Di matrimonio gay e altre amenità
15 Marzo Mar 2012 1754 15 marzo 2012

Gay e Cassazione, questa volta la sentenza é cassata

Perdonamela, ma questa cosa non la condivido, Cassazione.
Oggi hai depositato una sentenza, per alcuni storica, che dice che "I gay hanno diritto a una vita familiare".

Certo, non al matrimonio. Non al diritto di convertire in Italia un matrimonio contratto all'estero, ma al "vivere liberamente una condizione di coppia".

Grazie tante, Cassazione.
C'é davvero bisogno di una sentenza per sentirsi autorizzati a vivere la vita di coppia?, mi chiedo.

I diritti si concedono, oppure no.
Non si mediano, non si centellinano, non si tentennano.

Il diritto a vivere una vita di coppia io giá me lo sono preso, Cassazione.

Lo uso fino in fondo quando porto la mia ragazza alla cena di Natale.
Quando la asfissio con le mie beghe familiari, quando compro un mazzo di fiori perché so che cenera' da me.
Quando i soldi in tasca li metto in comune per pianificare le vacanze.
Quando stampo foto insieme da mettere al muro, mute e pubbliche.

Spero le foto non saranno ingiallite, quando cambierai idea, Cassazione.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook