10% Di matrimonio gay e altre amenità
2 Aprile Apr 2012 1627 02 aprile 2012

Coming out: ecco il decalogo delle reazioni

Ogni coming out ha il suo sapore e la sua unicitá. Famiglia, lavoro, amici. La reazione alla dichiarazione di omosessualitá stupisce sempre, anche quando la grande rivelazione é preceduta da mesi di preparativi.
Eppure, per quanto ci si sforzi a uscire dagli schemi, le reazioni più comuni rientrano in dieci macro categorie. Eccole (declinate al femminile, facili da adattare).


Stupore – No, proprio non se lo immaginava. La zia che ti ha visto crescere. Che ti metteva i vestitini rosa che sporcavi col fango giocando a pallone. Che ti chiedeva del ragazzo e tu alzavi gli occhi al cielo. Stupita, se ne fará presto una ragione.

Mancanza di stupore – Cuore di mamma, o di fratello maggiore. Che aspettava questo momento da quando ha trovato il tuo diario dell’adolescenza, con la lettera d’amore per lei. Il cuore é giá in pace, e tutto resta come prima.

Amnesia – Detto, dimenticato. Reazione comune tra i genitori e persone della generazione precedente. Che nel tempo record di 2 minuti dalla pronuncia della fatidica sentenza hanno giá dimenticato tutto. E ripartono da zero, a chiederti se hai il ragazzo, se ti piace moro, o meglio biondo.

Rifiuto – Altri genitori la prendono in modo diverso. Della serie “non puó essere capitato a me”, o di quella “dove ho sbagliato?”. Nessun timore, é solo questione di tempo. Il rifiuto in poche settimane diventa accettazione.

Rifiuto acuto – Rifiuto difficile da curare, che si manifesta con urla e dichiarazioni in grande stile, tra cui il “fuori di casa ora!”. Putroppo, l’evoluzione nel tempo di questa reazione é imprevedibile.

Domandite acuta – “E da quanto lo sai? E come lo sai? E perché lo sai? E come lo fai? E chi lo sa? E ora?”

Celato imbarazzo malcelato – Capita con persone con cui si ha meno familiaritá. Collega o amico, che si autodichiara di larghe vedute ma lo é meno. Spesso accompagnato da difficoltá a guardare negli occhi o domande abbastanza fesse.

Confessione a catena – “Anche io”. L’amico gay timoroso aspetta che tu faccia la prima mossa. Poi, appena la confessione arriva, alza la mano e fa echo alla tua.

Attivismo politico – Il genitore che si iscrive all’Agedo, l’amico che compra la bandiera per il gay pride, la sorella minore che difende i diritti gay in assemblea di istituto. Sempre più spesso le persone più vicine al neo-dichiarato adottano la causa come loro.

Controdichiarazione – capita raramente, ma quando capita recupera tutto. Solitamente con amiche di lunga data. Che al tuo coming out ne fanno uno loro. “Lo speravo, sono innamorata di te”.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook